Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
OncoGeriatria
OncoGinecologia

Differenze di morbilità e mortalità tra sopravvissuti a trapianto di cellule ematopoietiche e altri sopravvissuti al cancro


Sono stati confrontati i rischi di gravi effetti sulla salute tra sopravvissuti a trapianto di cellule ematopoietiche ( HCT ) rispetto a una popolazione corrispondente di pazienti con tumore che non sono stati sottoposti a trapianto HCT, in cui la differenza principale potrebbe essere l'esposizione a HCT.

I sopravvissuti a trapianto di cellule ematopoietiche a 2 anni trattati in un Centro oncologico dal 1992 al 2009 che erano residenti nello Stato di Washington ( n=1.792; 52% allogenico e 90% neoplasie ematologiche ) sono stati abbinati per frequenza in base alle caratteristiche demografiche e alla diagnosi di tumore sottostante ( a seconda dei casi ) a sopravvissuti al cancro non-trapianto a cellule ematopoietiche a 2 anni, utilizzando il Registro dei tumori dello Stato di Washington ( n=5.455 ) e la popolazione generale ( n=16.340 ).

Gli esiti tardivi per tutte e tre le coorti sono stati accertati dai Registri ospedalieri di dimissione e di morte; i tumori successivi sono stati accertati dal Registro statale sul cancro.

Dopo un follow-up mediano di 7.1 anni, i sopravvissuti a trapianto di cellule ematopoietiche hanno presentato in modo significativo più alti tassi di ospedalizzazione rispetto ai sopravvissuti a cancro non-HCT abbinati ( 280 vs 173 episodi per 1.000 anni-persona, P minore di 0.001 ) e una maggiore mortalità per qualsiasi causa ( hazard ratio, HR=1.1 ).

I sopravvissuti a trapianto di cellule ematopoietiche hanno avuto più ricoveri o morte con infezioni ( incidenza cumulativa a 10 anni, 31% vs 22%; HR=1.4 ) e complicazioni respiratorie ( incidenza cumulativa, 27% vs 20%; HR=1.4 ).

I rischi di complicazioni digestive, della pelle e muscolo-scheletriche sono stati anche maggiori tra i sopravvissuti al cancro associato a trapianto di cellule ematopoietiche versus sopravvissuti al cancro non-HCT.

I due gruppi hanno presentato simili rischi di complicazioni circolatorie e secondi tumori.

Sia i sopravvissuti al cancro associato a HCT e non-associato a HCT hanno avuto una significativamente maggiore incidenza cumulativa a 10 anni di tutti gli esiti dei principali organi-sistemi rispetto alla popolazione generale.

In conclusione, la storia di trapianto di cellule ematopoietiche è risultata associata a morbilità e mortalità tardive tra i pazienti sopravvissuti al tumore.
In particolare, i medici che si prendono cura dei sopravvissuti al trapianto di cellule ematopoietiche devono essere consapevoli dei loro alti tassi di complicanze respiratorie e infettive tardive. ( Xagena2017 )

Chow EJ et al, J Clin Oncol 2017; 35: 306-313

Emo2017 Onco2017



Indietro