Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario

Terapia locale di consolidamento rispetto a terapia di mantenimento o osservazione nel cancro del polmone non-a-piccole cellule oligometastatico senza progressione dopo terapia sistemica di prima linea


Evidenza da studi retrospettivi suggeriscono che la progressione della malattia dopo la chemioterapia di prima linea per il tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC) metastatico si verifica più spesso nei siti di malattia noti presenti al basale.
Tuttavia, l'effetto potenziale della terapia di consolidamento locale aggressiva per i pazienti con tumore NSCLC oligometastatico è sconosciuto.
Uno studio ha valutato l'effetto della terapia locale di consolidamento sulla sopravvivenza libera da progressione.

Lo studio di fase 2, multicentrico, randomizzato e controllato, ha arruolato pazienti da tre ospedali con tumore NSCLC in stadio IV, confermato istologicamente, con 3 o meno lesioni metastatiche dopo la prima linea di terapia sistemica, un punteggio Eastern Cooperative Oncology Group ( ECOG ) performance status di 2 o inferiore.
Questi pazienti avevano ricevuto la terapia sistemica standard di prima linea, e nessuna progressione della malattia prima della randomizzazione.

La terapia di prima linea era di 4 o più cicli di terapia con Platino doppietto oppure 3 o più mesi di inibitori di EGFR o ALK per i pazienti, rispettivamente, con mutazioni EGFR o riarrangiamenti ALK.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a una terapia locale di consolidamento ( chemioradioterapia o asportazione di tutte le lesioni ) con o senza ulteriore trattamento di mantenimento, oppure al trattamento di mantenimento da solo, che poteva essere la sola osservazione.

La terapia di mantenimento è stata consigliata sulla base di un elenco di regimi approvati, e l'osservazione è stata definita come una stretta sorveglianza senza trattamento citotossico.

La randomizzazione era bilanciata su 5 fattori: numero di metastasi, risposta alla terapia iniziale, metastasi del sistema nervoso centrale, stato linfonodale intratoracico, e stato EGFR e ALK.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione analizzata in tutti i pazienti che sono stati trattati e hanno avuto almeno una valutazione di imaging post-basale.

Lo studio è in corso ma non arruola più partecipanti.

Tra il 2012 e il 2016, sono stati arruolati 74 pazienti durante o al termine della prima linea di terapia sistemica.

Lo studio è stato interrotto precocemente dopo la randomizzazione di 49 pazienti ( 25 nel gruppo terapia di consolidamento locale e 24 nel gruppo trattamento di mantenimento ), nell'ambito delle analisi annuali effettuate dal Data Safety Monitoring Committee di tutti gli studi randomizzati presso l’MD Anderson Cancer Center, e prima di una analisi ad interim programmata di 44 eventi.

In un tempo mediano di follow-up per tutti i pazienti randomizzati di 12.39 mesi, la sopravvivenza libera da progressione mediana nel gruppo di terapia di consolidamento locale è stata di 11.9 mesi rispetto a 3.9 mesi nel gruppo di trattamento di mantenimento ( hazard ratio, HR=0.35, log-rank P=0.0054 ).

Gli eventi avversi sono stati simili tra i gruppi, senza alcun evento avverso di grado 4 o decessi a causa del trattamento.
Gli eventi avversi di grado 3 nel gruppo terapia di mantenimento sono stati affaticamento ( n=1 ) e anemia ( n=1 ) e nel gruppo di terapia di consolidamento locale sono stati esofagite ( n=2 ), anemia ( n=1 ), pneumotorace ( n=1 ) e dolore addominale ( n=1, correlazione improbabile ).

La terapia di consolidamento locale con o senza terapia di mantenimento per i pazienti con 3 o meno metastasi da carcinoma del polmone non-a-piccole cellule che non sono progrediti dopo la terapia sistemica iniziale ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola terapia di mantenimento.
Questi risultati suggeriscono che una terapia locale aggressiva dovrebbe essere ulteriormente esaminata in studi di fase 3 come opzione di trattamento standard in questo ambito clinico. ( Xagena2016 )

Gomez DR et al, Lancet Oncology 2016; 17: 1672-1682

Onco2016 Pneumo2016 Farma2016


Indietro