Cortinovis SCLC 2021
Novartis
Roche Oncologia
Tumore prostata

Afatinib migliora la sopravvivenza libera da progressione e la qualità di vita nei pazienti con tumore ai polmoni positivo per la mutazione in EGFR


I pazienti con tumore ai polmoni positivo alla mutazione nel gene EGFR hanno presentato un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione e una migliore qualità di vita con il nuovo farmaco Afatinib ( Giotrif ) rispetto alla chemioterapia standard, secondo i risultati di un ampio studio di fase III.

Lo studio LUX-Lung 3 ha coinvolto pazienti da 133 siti in 25 Paesi, verificando se il bloccante irreversibile della famiglia ErbB Afatinib può prolungare la sopravvivenza tra i pazienti con determinati tumori del polmone.

A differenza di altri inibitori della tirosin-chinasi, Afatinib inibisce non solo EGFR ma altri bersagli tra cui HER2.

Le mutazioni EGFR definiscono un sottogruppo di pazienti con estrema sensibilità a questo tipo di inibitore della tirosina-chinasi.
Nello studio LUX-Lung 3, 345 pazienti con adenocarcinoma polmonare di stadio IIIB/IV sono stati assegnati in modo casuale ad Afatinib 40 mg/die ( n=230 ) o Cisplatino 75 mg/m2 con Pemetrexed 500 mg/m2 ( n=115 ).

L'endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione ha mostrato una differenza significativa a favore di Afatinib.
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 11.1 mesi per il farmaco in studio, rispetto ai 6.9 mesi per il gruppo trattato con chemioterapia, il che ha prodotto un rapporto di rischio per Afatinib versus chemioterapia di 0.58 ( p=0.0004 ).

L'analisi dei sottogruppi ha mostrato vantaggi con Afatinib sia per gli uomini che per le donne, per i soggetti con punteggi ECOG al basale di 0 o di 1, e per i pazienti che non avevano mai fumato, così come per altri gruppi.

In particolare, c'è stato un miglioramento ancora maggiore nella sopravvivenza libera da progressione tra i pazienti con mutazioni genetiche comuni.
I pazienti con delezione 19 o mutazione L858R hanno presentato una sopravvivenza mediana libera da progressione di 13.6 mesi con Afatinib, rispetto a 6.9 mesi per i pazienti randomizzati a Cisplatino e Pemetrexed.

Quasi universalmente si sono verificati eventi avversi tra i pazienti in entrambi i bracci di studio.
Un totale del 48.9% dei pazienti trattati con Afatinib e del 47.7% dei pazienti sottoposti a chemioterapia ha sperimentato eventi avversi correlati al farmaco di grado 3 o superiore; il 7.9% dei pazienti con Afatinib e l’11.7% dei pazienti sottoposti a chemioterapia ha dovuto interrompere la terapia a causa degli eventi avversi.

Negli studi riguardanti il tumore polmonare in fase avanzata, la qualità di vita è stata particolarmente importante.
Afatinib ha allungato il tempo di deterioramento di una serie di sintomi correlati al cancro al polmone rispetto a Cisplatino Pemetrexed; questi sintomi hanno incluso dispnea, tosse e dolore.

I ricercatori hanno misurato la qualità di vita utilizzando un questionario EORTC e hanno rilevato miglioramenti significativi con Afatinib dello stato di salute globale, del funzionamento fisico, della attività funzionale e delle funzioni cognitive, tra le altre variabili.
C'è stata inoltre una tendenza verso un miglioramento dello stato emotivo, ma non ha raggiunto la significatività.

Oltre il 95% dei pazienti trattati con Afatinib ha sofferto di diarrea e l'89% ha avuto rash / acne; questi eventi, in particolare, sono stati molto più rari tra i pazienti trattati con Cisplatino / Pemetrexed. ( Xagena2012 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ), 2012

Pneumo2012 Onco2012 Farma2012


Indietro