BMS
Lung Unit
Novartis
OncoGeriatria

Afatinib versus Cisplatino più Gemcitabina per il trattamento di prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con mutazioni in EGFR


Afatinib ( Giotrif ), un bloccante irreversibile orale della famiglia di ErbB, migliora la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Pemetrexed e Cisplatino nel trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in stadio avanzato positivo per mutazioni in EGFR.

Uno studio ha confrontato Afatinib con Gemcitabina ( Gemzar ) e Cisplatino ( Platinex ), un regime chemioterapico ampiamente utilizzato in Asia, per il trattamento di prima linea di pazienti asiatici con cancro al polmone non-a-piccole cellule in stadio avanzato positivo per mutazioni in EGFR.

Lo studio, in aperto, randomizzato e di fase 3, è stato condotto in 36 Centri in Cina, Tailandia e Corea del Sud.

Dopo la valutazione centrale delle mutazioni in EGFR, i pazienti naive per il trattamento ( stadio IIIB o IV [ American Joint Committee on Cancer version 6 ], performance status 0-1 ) sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 2:1 a ricevere Afatinib per via orale ( 40 mg al giorno ) o Gemcitabina per via intravenosa 1000 mg/m2 nei giorni 1 e 8 più Cisplatino 75 mg/m2 nel giorno 1 di uno schema di 3 settimane e fino a 6 cicli.

La randomizzazione è stata stratificata per mutazioni in EGFR ( Leu858Arg, delezioni nell’esone 19 o altre ).

Medici e pazienti erano a conoscenza del trattamento di assegnazione, ma il gruppo che si occupava della revisione delle immagini non lo era.

Il trattamento è proseguito fino alla progressione della malattia, a effetti tossici non-tollerabili o a ritiro del consenso.

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata in base a una revisione centrale nella popolazione per intention-to-treat.

Sono stati sottoposti a screening 910 pazienti e 364 sono stati randomizzati ( 242 ad Afatinib, 122 a Gemcitabina e Cisplatino ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è risultata significativamente più lunga nel gruppo Afatinib ( 11.0 mesi ) che nel gruppo Gemcitabina e Cisplatino ( 5.6 mesi; hazard ratio, HR=0.28; p inferiore a 0.0001 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o 4 correlati al trattamento nel gruppo Afatinib sono stati rash o acne ( 35 [ 14.6% ] su 239 pazienti ), diarrea ( 13 [ 5.4% ] ) e stomatite o mucosite ( 13 [ 5.4% ] ), rispetto a neutropenia ( 30 [ 26.5% ] su 113 pazienti ), vomito ( 22 [ 19.5% ] ) e leucopenia ( 17 [ 15.0% ] ) nel gruppo Gemcitabina e Cisplatino.

Eventi avversi gravi correlati al trattamento sono stati osservati in 15 ( 6.3% ) pazienti nel gruppo Afatinib e in 9 ( 8.0% ) pazienti nel gruppo Gemcitabina e Cisplatino.

In conclusione, il trattamento di prima linea con Afatinib migliora in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione con un profilo di sicurezza tollerabile e gestibile in pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in stadio avanzato positivo per mutazioni in EGFR.
Afatinib dovrebbe essere preso in considerazione come opzione di trattamento di prima linea per questa popolazione di pazienti. ( Xagena2014 )

Wu YL et al, Lancet Oncol 2014; 15: 213-222

Pneumo2014 Onco2014


Indietro