Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis

Atezolizumab in monoterapia per il cancro uroteliale metastatico


Atezolizumab ( Tecentriq ), un anti-ligando di morte programmata 1 ( anti-PD-L1 ), ha dimostrato sicurezza e attività nel carcinoma uroteliale avanzato e metastatico, ma il suo profilo clinico a lungo termine rimane sconosciuto.
Sono stati presentati gli esiti clinici a lungo termine con la terapia a base di Atezolizumab per i pazienti con carcinoma uroteliale metastatico.

I pazienti sono stati arruolati in una coorte di espansione di uno studio di fase 1, in aperto, in corso
Il follow-up mediano è stato di 37.8 mesi.
I pazienti eleggibili avevano una malattia misurabile secondo i criteri di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1, ECOG performance status da 0 a 1 e un campione rappresentativo di tumore.
È stata valutata l’espressione sulle cellule immunitarie del ligando di PD-1 ( saggio VENTANA SP142 ).

Atezolizumab è stato somministrato per via endovenosa ogni 3 settimane fino a quando non sono stati osservati effetti tossici inaccettabili, mancata aderenza al protocollo o perdita del beneficio clinico.

L'esito primario era la sicurezza. Gli esiti secondari includevano il tasso di risposta obiettiva, la durata della risposta e la sopravvivenza libera da progressione.
La risposta e la sopravvivenza globale sono state valutate in sottogruppi chiave di riferimento.

Sono stati valutati 95 pazienti ( 72 maschi, 76%, età media, 66 anni ). 45 ( 47% ) hanno ricevuto Atezolizumab come terapia di terza linea o superiore.
9 pazienti ( 9% ) hanno presentato un evento avverso correlato al trattamento di grado 3-4, per lo più entro il primo anno di trattamento; non sono stati osservati successivamente eventi avversi gravi correlati.
Un paziente ( 1% ) ha interrotto il trattamento a causa di un evento correlato.
Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Le risposte si sono verificate nel 26% dei pazienti. La durata mediana della risposta è stata di 22.1 mesi e la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.7 mesi.
La sopravvivenza globale mediana è stata di 10.1 mesi; il tasso di sopravvivenza globale a 3 anni è stato del 27%.

La risposta si è verificata nel 40% ( n=40 ) e 11% ( n=44 ) dei pazienti con espressione di PD-L1 di almeno il 5% di cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore ( IC2/3 ) o meno del 5% ( IC0/1 ), rispettivamente.

La sopravvivenza globale mediana nei pazienti con IC2/3 e IC0/1 è stata, rispettivamente, di 14.6 e 7.6 mesi,.

In conclusione, Atezolizumab è rimasto ben tollerato e ha fornito un beneficio clinico duraturo a una popolazione con carcinoma uroteliale metastatico, pesantemente pretrattato, in questo studio a lungo termine. ( Xagena2018 )

Petrylak DP et al, JAMA Oncol 2018; 4: 537-544

Onco2018 Uro2018 Farma2018


Indietro