Janssen Oncology
Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub

Bevacizumab come singolo agente o Lomustina versus Bevacizumab più Lomustina nel glioblastoma recidivante


Le opzioni di trattamento per la recidiva di glioblastoma sono scarse, con la chemioterapia di seconda linea che mostra solo una modesta attività contro il tumore.
Nonostante l'assenza di studi ben controllati, Bevacizumab ( Avastin ) è ampiamente utilizzato nel trattamento del glioblastoma recidivante.
Tuttavia, rimane non ben definito se i tassi di risposta elevati rilevati dopo il trattamento con questo farmaco si traducano in un beneficio di sopravvivenza globale.

Sono stati pubblicati i risultati di fase 2 della prima sperimentazione randomizzata e controllata con Bevacizumab nel glioblastoma ricorrente.

Lo studio BELOB in aperto, a 3 gruppi, multicentrico, di fase 2, condotto in 14 ospedali nei Paesi Bassi, ha coinvolto pazienti adulti ( a partire da 18 anni di età ) con una prima recidiva di glioblastoma dopo chemioradioterapia con Temozolomide che sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con Lomustina ( CeeNU ) orale 110 mg/m2 una volta ogni 6 settimane, a Bevacizumab per via endovenosa 10 mg/kg una volta ogni 2 settimane, oppure al trattamento di combinazione con Lomustina 110 mg/m2 ogni 6 settimane e Bevacizumab 10 mg/kg ogni 2 settimane.

La randomizzazione dei pazienti è stata stratificata per Centro, performance status ECOG ed età.

L'esito primario era la sopravvivenza globale a 9 mesi.

È stata progettata una analisi di sicurezza dopo che i primi 10 pazienti hanno completato due cicli di 6 settimane nel gruppo di trattamento combinato.

Tra il 2009 e il 2011, sono stati arruolati 153 pazienti.

L'analisi di sicurezza pre-pianificata è stata eseguita dopo aver trattato 8 pazienti, a causa di eventi avversi ematologici ( 3 pazienti hanno avuto trombocitopenia di grado 3, e 2 hanno avuto trombocitopenia di grado 4 ) che hanno ridotto l’intensità della dose di Bevacizumab; la dose di Lomustina nel gruppo di trattamento di combinazione è stata successivamente ridotta a 90 mg/m2.
Così, oltre agli 8 pazienti che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Bevacizumab più Lomustina 110 mg/m2, 51 pazienti sono stati assegnati a ricevere Bevacizumab da solo, 47 a ricevere Lomustina da sola e 47 a ricevere Bevacizumab più Lomustina 90 mg/m2.

Tra questi pazienti, 50 nel gruppo con Bevacizumab da solo, 46 nel gruppo con Lomustina da sola e 44 nel gruppo con Bevacizumab e Lomustina 90 mg/m2 erano eleggibili per le analisi.

La sopravvivenza globale a 9 mesi è stata del 43% nel gruppo Lomustina, 38% nel gruppo Bevacizumab, 59% nel gruppo Bevacizumab e Lomustina 90 mg/m2, 87% nel gruppo Bevacizumab e Lomustina 110 mg/m2 e 63% nei gruppi Bevacizumab e Lomustina combinati.

Dopo la riduzione della dose di Lomustina nel gruppo di combinazione, il trattamento combinato è stato ben tollerato.
Le più frequenti tossicità di grado 3 o superiore sono state ipertensione ( 13 pazienti su 50 nel gruppo Bevacizumab, 26%; 3 pazienti su 46 nel gruppo Lomustina, 7%; 11 pazienti su 44 nel gruppo Bevacizumab e Lomustina 90 mg/m2, 25% ), affaticamento ( 2 [ 4% ]; 4 [ 9% ]; 8 [ 18% ] ) e infezioni ( 3 [ 6% ]; 2 [ 4% ]; 5 [ 11% ] ).

Al momento dell’analisi, 144 pazienti su 148 erano deceduti ( 97% ) e 3 erano ancora in trattamento ( 2% ).

La combinazione di Bevacizumab e Lomustina ha soddisfatto i criteri prespecificati di valutazione di questo trattamento in ulteriori studi di fase 3.
Tuttavia, i risultati del gruppo con Bevacizumab da solo non giustificano ulteriori studi su questo trattamento. ( Xagena2014 )

Taal W et al, Lancet 2014;15:943-953

Onco2014 Neuro2014 Farma2014


Indietro