Lung Unit
BMS
Roche Oncologia
Novartis

Brigatinib nel tumore al polmone non-a-piccole cellule ritarda la progressione


Una seconda analisi ad interim prespecificata dello studio multicentrico, randomizzato, di fase 3 ALTA-1L ha mostrato che i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato positivo per ALK che hanno ricevuto Brigatinib ( Alunbrig ) vivono più a lungo senza progressione rispetto ai pazienti che hanno ricevuto Crizotinib ( Xalkori ).

La prima analisi ad interim con un follow-up mediano di 11 mesi aveva mostrato un significativo vantaggio di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per Brigatinib rispetto a Crizotinib, determinato da un Comitato di revisione indipendente in cieco ( BIRC; hazard ratio [ HR ], 0.49; IC 95%, 0.33-0.74; P inferiore a 0.001 ).

Lo studio ha arruolato 275 pazienti con malattia ALK-positiva che non avevano precedentemente ricevuto una terapia mirata per ALK; un totale di 137 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Brigatinib e 138 a ricevere Crizotinib.

La seconda analisi ad interim ha mostrato che a una mediana di 24.9 mesi di follow-up, i pazienti che hanno ricevuto Brigatinib hanno continuato ad avere un vantaggio di sopravvivenza senza progressione valutata da BIRC rispetto ai pazienti che hanno ricevuto Crizotinib ( HR, 0.49; IC 95%, 0.35-0.68; P inferiore a 0.0001 ), vivendo una mediana di 13 mesi in più senza progressione ( 24 vs 11 mesi ).

Questo beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione è stato osservato in tutti i sottogruppi di pazienti, in particolare tra i pazienti che presentavano metastasi cerebrali al basale e un buon performance status ECOG.

I pazienti che hanno ricevuto Brigatinib hanno anche avuto un peggioramento ritardato dello stato di salute globale / punteggio della qualità di vita rispetto ai pazienti trattati con Crizotinib ( 26.7 vs 8.3 mesi; HR, 0.70; IC 95%, 0.49-1.00; P = 0.049 ).

Il 73% dei pazienti arruolati nel braccio Brigatinib ha manifestato un evento avverso di grado 3 o superiore rispetto al 61% dei pazienti nel braccio Crizotinib.

Un beneficio in termini di sopravvivenza globale ( OS ) per Brigatinib non è stato osservato rispetto a Crizotinib ( HR, 0.92; IC 95%, 0.57-1.47; P = 0.771 ).
Quando aggiustato per il crossover del trattamento, la sopravvivenza globale era a favore di Brigatinib ( HR = 0.70; IC 95%, 0.39 - 1.26 ), ma questo risultato non era statisticamente significativo.

Secondo gli Autori dello studio, la mancanza di benefici in termini di sopravvivenza globale è probabilmente dovuta al protocollo ALTA-1L che consente ai pazienti nel braccio Crizotinib di passare a Brigatinib dopo la progressione confermata dal Comitato BIRC. ( Xagena2020 )

Fonte: Camidge DR et al, J Clin Oncol 2020; Online ahead of print

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro