Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
OncoGeriatria

Chemioradioterapia ad alte dosi e attesa vigile per cancro del retto distale


La resezione addomino-perineale è il trattamento standard per i pazienti con cancro del retto T2 o T3, distale; tuttavia, la procedura è ampia e mutilante, e strategie di trattamento alternative sono in fase di studio.

Uno studio prospettico osservazionale ha valutato se la radioterapia ad alte dosi con chemioterapia concomitante seguita da osservazione ( attesa vigile ) può avere successo nella gestione non-chirurgica del cancro del retto distale.

I pazienti con adenocarcinoma primario, resecabile, T2 o T3, N0-N1 negli ultimi 6 cm del retto sono stati trattati con chemioradioterapia ( 60 Gy in 30 frazioni per il tumore, 50 Gy in 30 frazioni per volumi linfonodali elettivi, 5 Gy boost di brachiterapia endorettale e Tegafur - Uracile [ UFT ] orale 300 mg/m2 ) tutti i giorni feriali per 6 settimane.

Endoscopie e biopsie del tumore sono state effettuate al basale, nel corso del trattamento ( settimane 2, 4 e 6 ), e 6 settimane dopo la fine del trattamento.

I pazienti con completa regressione clinica del tumore, biopsie del sito del tumore negative, e assenza di metastasi linfonodali o a distanza alla tomografia computerizzata ( CT ) e alla risonanza magnetica per immagini ( MRI ) 6 settimane dopo il trattamento sono stati assegnati al gruppo di osservazione ( attesa vigile ). I pazienti sotto osservazione sono stati seguiti con endoscopie e biopsie, con resezione chirurgica per le recidive locali.

L'endpoint primario era la recidiva locale del tumore 1 anno dopo l'assegnazione al gruppo di osservazione.

Tra il 2009 e il 2013 sono stati arruolati 55 pazienti, reclutati da tre Unità chirurgiche in Danimarca e trattati in un Centro oncologico ( Vejle Hospital in Danimarca ).

Dei 51 pazienti eleggibili, 40 hanno avuto risposta clinica completa e sono stati assegnati all'osservazione.

Il follow-up per la recidiva locale nel gruppo di osservazione è stato di 23.9 mesi.

Il tasso di recidiva locale nel gruppo di osservazione a 1 anno è stato del 15.5%.

L’evento avverso acuto di grado 3 più frequente durante il trattamento è stata la diarrea, che ha colpito 4 ( 8% ) dei 51 pazienti.

La funzione dello sfintere nel gruppo di osservazione era eccellente, con 18 ( 72% ) dei 25 pazienti a 1 anno e 11 ( 69% ) dei 16 pazienti a 2 anni senza incontinenza fecale e un punteggio mediano Jorge-Wexner di 0 in tutti i momenti temporali.

La tossicità tardiva più comune è stata il sanguinamento dalla mucosa rettale; il sanguinamento di grado 3 è stato descritto in 2 pazienti ( 7% ) su 30 a 1 anno e 1 paziente ( 6% ) su 17 a 2 anni.

Non ci sono state reazioni avverse serie inattese o decessi correlati al trattamento.

La chemioradioterapia ad alte dosi e l’attesa vigile potrebbero essere un'alternativa sicura alla resezione addomino-perineale per i pazienti con tumore del retto distale. ( Xagena2015 )

Appelt AL et al, Lancet 2015; 16: 919-927

Onco2015 Gastro2915



Indietro