Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Ovaie
OncoGeriatria

Chemioradioterapia neoadiuvante più chirurgia versus chirurgia da sola per il cancro esofageo o giunzionale


I primi risultati dello studio CROSS ( ChemoRadiotherapy for Oesophageal cancer followed by Surgery Study ), che ha confrontato la chemioradioterapia neoadiuvante più chirurgia con la sola chirurgia nei pazienti con carcinoma a cellule squamose e adenocarcinoma dell'esofago o della giunzione esofagogastrica, hanno mostrato un significativo aumento della sopravvivenza globale a 5 anni a favore della chemioradioterapia neoadiuvante più chirurgia dopo un follow-up mediano di 45 mesi.
Sono stati riportati i risultati a lungo termine dopo un follow-up minimo di 5 anni.

I pazienti con cancro localmente avanzato clinicamente resecabile dell'esofago o della giunzione esofago-gastrica ( stadio clinico T1N1M0 o T2-3N0-1M0, secondo il sistema di stadiazione del cancro TNM, sesta edizione ) sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la somministrazione settimanale di 5 cicli di chemioradioterapia neoadiuvante ( Carboplatino per via endovenosa AUC 2 mg/ml per minuto e Paclitaxel per via endovenosa 50 mg/m2 di superficie corporea per 23 giorni ) con la radioterapia concomitante (41.4 Gy, in 23 frazioni di 1.8 Gy 5 giorni alla settimana), seguita da un intervento chirurgico, o alla sola chirurgia.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale, analizzata per intention-to-treat.

Non sono stati raccolti dati relativi agli eventi avversi oltre quelli indicati nella relazione iniziale dello studio.

Tra il 2004 e il 2008, 368 pazienti provenienti da 8 Centri partecipanti ( 5 Centri accademici e 3 grandi ospedali non-accademici ) nei Paesi Bassi sono stati arruolati in questo studio e casualmente assegnati a due gruppi di trattamento: 180 alla chirurgia più chemioradioterapia neoadiuvante e 188 alla sola chirurgia.
Due pazienti del gruppo chemioradioterapia neoadiuvante hanno ritirato il consenso, quindi sono stati analizzati in totale 366 pazienti ( 178 nel gruppo di chemioradioterapia neoadiuvante più chirurgia e 188 nel gruppo con solo intervento chirurgico ).

Dei 171 pazienti che hanno ricevuto qualsiasi chemioradioterapia neoadiuvante in questo gruppo, 162 ( 95% ) sono stati in grado di completare l'intero regime di chemioradioterapia neoadiuvante.

Dopo un follow-up mediano per i pazienti sopravvissuti di 84.1 mesi, la sopravvivenza generale mediana è stata di 48.6 mesi nel gruppo di chemioradioterapia neoadiuvante più chirurgia e 24.0 mesi nel gruppo con solo intervento chirurgico ( hazard ratio, HR=0.68; log rank P=0.003 ).

La sopravvivenza generale mediana per i pazienti con carcinoma a cellule squamose è stata di 81.6 mesi nel gruppo chemioradioterapia neoadiuvante più chirurgia e di 21.1 mesi nel gruppo sola chirurgia ( HR=0.48; log-rank P=0.008 ); per i pazienti con adenocarcinoma, è stata di 43.2 mesi nel gruppo chemioradioterapia neoadiuvante più chirurgia e di 27.1 mesi nel gruppo con solo intervento chirurgico ( HR=0.73; log-rank P=0.038 ).

Il follow-up a lungo termine ha confermato i benefici complessivi di sopravvivenza per la chemioradioterapia neoadiuvante quando viene aggiunta alla chirurgia nei pazienti con cancro esofageo operabile o cancro giunzionale esofago-gastrico.
Questo miglioramento è clinicamente rilevante sia per il carcinoma a cellule squamose sia per i sottotipi di adenocarcinoma.

Pertanto, la chemioradioterapia neoadiuvante secondo lo studio CROSS seguita da resezione chirurgica dovrebbe essere considerata uno standard di cura per i pazienti con cancro esofageo resecabile localmente avanzato o cancro giunzionale esofago-gastrico. ( Xagena2015 )

Shapiro J et al, Lancet 2015; 16: 1090-1098

Onco2015 Gastro2015 Farma2015 Chiru2015


Indietro