Roche Oncologia
OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito

Chemioterapia di induzione più concomitante chemioradioterapia vs concomitante chemioradioterapia da sola nel carcinoma nasofaringeo locoregionale in fase avanzata


Il valore dell’aggiunta della chemioterapia di induzione con Cisplatino, Fluorouracile e Docetaxel ( TPF ) alla concomitante chemioradioterapia nel carcinoma nasofaringeo locoregionale in fase avanzata non è ben definito.
È stata confrontata la chemioterapia di induzione con TPF più concomitante chemioradioterapia con la sola chemioradioterapia.

È stato effettuato uno studio di fase 3, multicentrico, randomizzato e controllato presso 10 Centri in Cina.
Sono stati arruolati pazienti con carcinoma nasofaringeo non-trattato in precedenza, in stadio III-IVB ( tranne T3-4N0 ), di età compresa tra 18 e 59 anni senza gravi co-morbidità, e sono stati randomizzati a ricevere chemioterapia di induzione più chemioradioterapia concomitante o solo chemioradioterapia ( 3 cicli di 100 mg/m2 di Cisplatino ogni 3 settimane, in concomitanza con la radioterapia a intensità modulata ).

La chemioterapia di induzione è stata di 3 cicli di Docetaxel per via endovenosa ( 60 mg/m2 il giorno 1 ), Cisplatino per via endovenosa ( 60 mg/m2 al giorno 1 ) e Fluorouracile per via endovenosa continuativo ( 600 mg/m2 al giorno dal giorno 1 al giorno 5 ) ogni 3 settimane prima della chemioradioterapia concomitante.
La randomizzazione è stata effettuata stratificando per Centro di trattamento e stadio della malattia ( III o IV ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da fallimento calcolata dalla randomizzazione al fallimento locoregionale, fallimento distante, o morte per qualsiasi causa; la dimensione del campione richiesta era di 476 pazienti ( 238 per gruppo ).

Sono stati presentati i risultati di sopravvivenza a 3 anni e gli effetti tossici acuti.

Tra il 2011 e il 2013, 241 pazienti sono stati assegnati a chemioterapia di induzione più chemioradioterapia concomitante e 239 a sola chemioradioterapia.

Dopo un follow-up mediano di 45 mesi, la sopravvivenza libera da fallimento a 3 anni è stata pari all’80% nel gruppo di chemioterapia di induzione più chemioradioterapia concomitante e 72% nel gruppo sola chemioradioterapia ( hazard ratio, HR=0.68, P=0.034 ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 durante il trattamento nei 239 pazienti nel gruppo di chemioterapia di induzione più chemioradioterapia concomitante rispetto ai 238 pazienti nel gruppo sola chemioradioterapia sono stati neutropenia ( 101, 42%, vs 17, 7% ), leucopenia ( 98, 41%, vs 41, 17% ) e stomatite ( 98, 41%, vs 84, 35% ).

L'aggiunta di chemioterapia di induzione con TPF alla chemioradioterapia concomitante ha significativamente migliorato la sopravvivenza libera da fallimento nel carcinoma nasofaringeo locoregionale in fase avanzata con una tossicità accettabile.
È necessario un follow-up a lungo termine per determinare l'efficacia e la tossicità in un tempo più esteso. ( Xagena2016 )

Sun Y et al, Lancet Oncology 2016; 17: 1509-1520

Onco2016 Neuro2016 Med2016 Farma2016


Indietro