Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGinecologia
Tumore Vescica

Crizotinib superiore alla chemioterapia nel tumore del polmone non-a-piccole cellule ALK+ in fase avanzata


I pazienti con cancro polmonare non-a-piccole cellule ALK-positivo ( ALK+ ), in fase avanzata, che hanno ricevuto il trattamento di prima linea con Crizotinib ( Xalkori ) hanno presentato risultati migliori rispetto a quelli trattati con Pemetrexed ( Alimta ) e chemioterapia a base di Platino.

Uno studio di fase III ha arruolato 343 pazienti naive al trattamento con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), ALK+, non-squamoso, in fase avanzata.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 250 mg due volte al giorno di Crizotinib ( n = 172 ) oppure chemioterapia ( n = 171 ) ogni 3 settimane per sei cicli.
I pazienti assegnati a chemioterapia hanno ricevuto 500 mg/m2 di Pemetrexed più 75 mg/m2 di Cisplatino o Carboplatino ( area sotto la curva target da 5 a 6 mg/ml/minuto ).

Il periodo di follow-up è stato di 17.4 mesi per i pazienti assegnati a Crizotinib e 16.7 mesi per i pazienti assegnati a chemioterapia.

E’stato riscontrato un tasso di risposta ( 74% vs 45%; P inferiore a 0.001 ) e una durata mediana della risposta ( 11.3 mesi vs 5.3 mesi), significativamente più alti per i pazienti del braccio Crizotinib.

I pazienti assegnati a Crizotinib hanno anche dimostrato una sopravvivenza mediana libera da progressione significativamente più alta ( 10.9 mesi vs 7 mesi ), nonché una significativa riduzione del rischio di progressione o morte ( hazard ratio, HR=0.45 ).

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta in entrambi i bracci al momento dell'analisi, anche se la probabilità di sopravvivenza a 1 anno è risultata leggermente superiore nel braccio Crizotinib ( 84% vs 79% ).

Crizotinib non ha ridotto in modo significativo il rischio di mortalità, rispetto alla chemioterapia ( HR = 0.82 ); tuttavia, questi dati risentono del fatto che il 70% dei pazienti del braccio chemioterapia sono stati esposti a Crizotinib.
L’analisi corretta per crossover ha dimostrato un hazard ratio di 0.6 per la mortalità con Crizotinib utilizzando il test Wilcoxon e un hazard ratio di 0.67 per la mortalità con Crizotinib utilizzando il log-rank test.

Il 14% dei pazienti nel braccio Crizotinib e il 2% dei pazienti nel braccio chemioterapia hanno presentato aumento dei livelli delle aminotransferasi, gestiti mediante interruzione o riduzione della dose.

I pazienti che hanno ricevuto Crizotinib hanno raggiunto miglioramenti significativamente maggiori rispetto al basale dei punteggi globali di qualità di vita ( P inferiore a 0.001 ) e nei domini di funzionamento fisico, sociale, emotivo e di ruolo ( P inferiore a 0.001 ).
Crizotinib era anche associato a un significativo ritardo nel peggioramento dei sintomi del tumore polmonare ( HR = 0.62 ).

Dallo studio è emerso che nei pazienti non precedentemente trattati con tumore del polmone non-a-piccole cellule ALK+, il trattamento con Crizotinib ha mostrato di essere superiore alla chemioterapia a base di Pemetrexed più Platino riguardo alla sopravvivenza libera da progressione, tasso di risposta obiettiva, riduzione dei sintomi polmonari, cancro e miglioramento della qualità di vita. ( Xagena2014 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2014

Onco2014 Pneumo2014 Farma2014


Indietro