OncoHub
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Novartis

Docetaxel e Prednisone con o senza Lenalidomide in pazienti naive alla chemioterapia con carcinoma della prostata metastatico resistente a castrazione


I pazienti con carcinoma prostatico metastatico resistente a castrazione hanno poche opzioni di trattamento.

E’ stata studiata la sicurezza e l'efficacia di Lenalidomide ( Revlimid ), un agente immunomodulante con proprietà anti-angiogeniche, in combinazione con Docetaxel ( Taxotere ) e Prednisone in pazienti naive alla chemioterapia con carcinoma alla prostata metastatico resistente a castrazione.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3, MAINSAIL, sono stati assegnati in modo casuale i pazienti naive alla chemioterapia con carcinoma metastatico progressivo della prostata resistente alla castrazione a ricevere Docetaxel ( 75 mg/m2 ) il giorno 1 e Prednisone ( 5 mg due volte al giorno ) nei giorni 1-21 e Lenalidomide ( 25 mg ) oppure placebo una volta al giorno nei giorni 1-14 di ciascun ciclo di trattamento di 21 giorni.

La randomizzazione è stata stratificata per performance status ECOG, regione geografica e tipo di progressione della malattia.
I medici, i pazienti e i ricercatori erano a conoscenza dell’allocazione del trattamento.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale.

L’analisi di efficacia è stata effettuata secondo intention-to-treat.

I pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio sono stati inclusi nelle analisi di sicurezza.

Sono stati arruolati 1.059 pazienti e sono stati assegnati casualmente tra il 2009 e il 2011 ( 533 al gruppo Lenalidomide e 526 al gruppo di controllo ), e 1.046 pazienti hanno ricevuto il trattamento in studio ( 525 nel gruppo Lenalidomide e 521 nel gruppo placebo ).

Al cutoff dei dati ( 13 gennaio 2012 ), dopo un follow-up di 8 mesi, 221 pazienti sono deceduti: 129 nel gruppo Lenalidomide e 92 nel gruppo placebo.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 17.7 mesi nel gruppo Lenalidomide e non è stata raggiunta nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=1.53, P=0.0017 ).

Lo studio è stato successivamente chiuso in anticipo a causa di inutilità.

Il numero di decessi che si sono verificati durante il trattamento o a meno di 28 giorni dopo l'ultima dose è stato simile in entrambi i gruppi ( 18 pazienti su 525 [ 3% ] nel gruppo Lenalidomide vs 13 pazienti su 521 [ 2% ] ).
109 pazienti ( 21% ) nel gruppo Lenalidomide e 78 ( 15% ) nel gruppo placebo sono morti a più di 28 giorni dall’ultima dose, principalmente a causa della progressione della malattia.

È stato riportato almeno un evento avverso di grado 3 o superiore in 381 pazienti su 525 ( 73% ) che hanno ricevuto Lenalidomide e 303 pazienti su 521 ( 58% ) trattati con placebo.
Neutropenia di grado 3-4 ( 114 per Lenalidomide [ 22% ] vs 85 per il placebo [ 16% ] ), neutropenia febbrile ( 62 [ 12% ] vs 23 [ 4% ] ), diarrea ( 37 [ 7% ] vs 12 [ 2% ] ), polmonite ( 24 [ 5% ] vs 5 [ 1% ] ), dispnea ( 22 [ 4% ] vs 9 [ 2% ] ), astenia ( 27 [ 5% ] vs 17 [ 3% ] ) ed embolia polmonare ( 32 [ 6% ] vs 7 [ 1% ] ) si sono verificate più frequentemente nel gruppo Lenalidomide rispetto al gruppo placebo.

La sopravvivenza globale con la combinazione di Lenalidomide, Docetaxel e Prednisone è stata significativamente peggiore rispetto al trattamento con Docetaxel e Prednisone negli uomini naive alla chemioterapia con carcinoma della prostata metastatico resistente alla castrazione.
Ulteriori ricerche con questa combinazione di trattamento non sono giustificate. ( Xagena2015 )

Petrylak DP et al, Lancet 2015;16:417-425

Onco2015 Uro2015 Farma2015


Indietro