Cortinovis SCLC 2021
Novartis
Roche Oncologia
Tumore prostata

Effetti tossici a lungo termine della radioterapia a protoni per il medulloblastoma pediatrico


Rispetto alla tradizionale radioterapia fotonica, la radioterapia protonica irradia meno tessuto normale e potrebbe migliorare gli esiti di salute connessi con la radioterapia a fotoni, riducendo gli effetti tossici per i tessuti normali.

Sono state valutate le complicanze tardive, gli effetti collaterali acuti, e la sopravvivenza associati alla radioterapia protonica nei bambini con medulloblastoma.

In questo studio di fase 2 non-randomizzato, in aperto, in un unico Centro, sono stati arruolati pazienti di età compresa tra 3 e 21 anni affetti da medulloblastoma.

I pazienti avevano subito irradiazione craniospinale a 18-36 Gy equivalenti radiobiologici ( GyRBE ) somministrati a 1.8 GyRBE per frazione seguita da una dose di richiamo.

L'esito primario era l'incidenza cumulativa di ototossicità a 3 anni, classificata con la scala di ototossicità Pediatric Oncology Group ( 0-4 ), nella popolazione intention-to-treat.
Gli esiti secondari erano gli effetti tossici neuroendocrini e gli effetti tossici neurocognitivi valutati secondo intention-to-treat.

Sono stati arruolati 59 pazienti dal 2003, al 2009: 39 con malattia a rischio standard, 6 con malattia a rischio intermedio, e 14 con malattia ad alto rischio.
59 pazienti hanno ricevuto chemioterapia.

Il follow-up mediano dei sopravvissuti è stato di 7.0 anni.

Tutti i pazienti hanno ricevuto le dosi pianificate di radioterapia a protoni.
La dose mediana di irradiazione craniospinale è stata di 23.4 GyRBE e la dose mediana di richiamo è stata di 54.0 GyRBE.

4 ( 9% ) dei 45 pazienti valutabili hanno presentato ototossicità di grado 3-4 secondo la scala di ototossicità Pediatric Oncology Group in entrambe le orecchie al follow-up, e tre ( 7% ) dei 45 pazienti hanno sviluppato ototossicità di grado 3-4 in un orecchio, anche se uno più tardi è ritornato al grado 2.

L'incidenza cumulativa di perdita dell’udito di grado 3-4 a 3 anni è stata del 12%. A 5 anni, è stata del 16%.

Il punteggio di ototossicità dell’udito Pediatric Oncology Group a un follow-up di 5.0 anni era lo stesso che al basale o è migliorato di 1 punto in 34 ( 35% ) su 98 orecchie, è peggiorato di 1 punto in 21 ( 21% ), è peggiorato di 2 punti in 35 ( 36% ), è peggiorato di 3 punti in 6 ( 6% ), ed è peggiorato di 4 punti in 2 ( 2% ).

Il punteggio alla scala FSIQ ( Full Scale Intelligence Quotient ) è diminuito di 1.5 punti per anno dopo un follow-up di 5.2 anni, guidato da cali nella velocità di elaborazione e nell’indice di comprensione verbale.
L’indice di ragionamento percettivo e la memoria di lavoro non sono cambiati in modo significativo.

L’incidenza cumulativa di qualsiasi deficit neuroendocrino a 5 anni è stata del 55%, con il deficit dell’ormone della crescita come dato più comune.

Non sono stati registrati effetti tossici tardivi cardiaci, polmonari o gastrointestinali.

La sopravvivenza libera da progressione a 3 anni è stata dell’83% per tutti i pazienti.

Nell’analisi post-hoc, la sopravvivenza libera da progressione a 5 anni è stata dell'80% e la sopravvivenza globale a 5 anni è stata dell’83%.

La radioterapia a protoni è risultata associata a tossicità accettabile e ha avuto risultati di sopravvivenza simili a quelli rilevati con la radioterapia convenzionale, suggerendo che l'uso del trattamento può rappresentare una alternativa ai trattamenti basati sui fotoni. ( Xagena2016 )

Yock TI et al, Lancet 2016; 17: 287-298

Onco2016 Neuro2016 Pedia2016


Indietro