Novartis
Roche Oncologia
OncoHub
Oncologia Morabito

Effetto di GM-CSF sulla prevenzione e trattamento delle infezioni fungine invasive nei pazienti sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali


Uno studio clinico di fase IV, multicentrico, ha valutato l'efficacia di una terapia profilattica con fattore stimolante le colonie di granulociti e di macrofagi ( GM-CSF ) nel ridurre l'incidenza di infezioni fungine invasive nei pazienti con neutropenia in seguito a trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche.

Un totale di 206 pazienti sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche sono stati randomizzati a ricevere iniezioni sottocutanee di fattore GM-CSF ( da 5 a 7 mg/kg al giorno ), fattore stimolante le colonie di granulociti ( G-CSF, da 5 a 7 mg/kg al giorno ) oppure di una combinazione di G-CSF e GM-CSF ( ciascuno a una dose compresa fra i 2 e 3 mg/kg al giorno ).

Il trattamento ha avuto inizio il quinto giorno dopo il trapianto ed è stato continuato fino a quando la conta assoluta dei neutrofili si è mantenuta superiore o uguale a 1.5 x 10(9)/L per due giorni consecutivi.

Endpoint primari dello studio erano l'incidenza a 100 giorni di infezioni fungine invasive ( sia probabili che accertate ) e il tasso di risposta al trattamento antimicotico.

L'analisi dei dati relativi alla popolazione intent-to-treat non ha evidenziato alcuna differenza significativa nella incidenza a 100 giorni di infezioni fungine invasive probabili e accertate fra i tre gruppi di pazienti.

A partire dal ventiduesimo giorno, la risposta al trattamento antifungino è risultata essere migliore nel gruppo di pazienti trattato con GM-CSF e nel gruppo trattato con GM-CSF in combinazione con G-CSF rispetto al gruppo trattato con solo G-CSF ( P = 0.009 ).

La mortalità cumulativa a 100 giorni dal trapianto è risultata essere più bassa nel gruppo trattato con GM-CSF rispetto al gruppo trattato con G-CSF ( 10.3% versus 24.6%, rispettivamente; P = 0.037 ).
Il gruppo di pazienti trattati con GM-CSF e il gruppo trattato con GM-CSF in combinazione con G-CSF hanno mostrato una mortalità trapianto-correlata significativamente inferiore rispetto al gruppo trattato con solo G-CSF ( 8.8% e 8.7% vs 21.7%, rispettivamente; P = 0.034 ).

Dopo un follow-up mediano di 600 giorni, la mortalità correlata a infezioni fungine invasive è risultata inferiore nei gruppi di pazienti trattati con GM-CSF e con GM-CSF in combinazione con G-CSF rispetto al gruppo di pazienti trattato con solo G-CSF ( 1.47% e 1.45% vs 11.59%, rispettivamente; P = 0.016 ).

Fra i tre gruppi di pazienti non sono infine emerse differenze significative per quanto riguarda lo sviluppo di recidiva, malattia da rigetto o la mortalità in seguito a emorragia.

In conclusione, nei pazienti sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche, il trattamento profilattico con GM-CSF è risultato associato a una diminuzione della mortalità trapianto-correlata a 100 giorni, della mortalità cumulativa a 100 giorni e della mortalità a 600 giorni correlata a infezioni fungine invasive, rispetto al trattamento con G-CSF. ( Xagena2015 )

Wan L et al, J Clin Oncol 2015; 34: 3999-4006

Onco2015 Emo2015 Inf2015 Farma2015


Indietro