Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub
Roche Oncologia

Encorafenib più Cetuximab come nuovo standard di cura per il tumore del colon-retto metastatico BRAF V600E-mutato trattato in precedenza: studio BEACON


BEACON CRC ha valutato Encorafenib ( Braftovi ) più Cetuximab ( Erbitux ) con o senza Binimetinib ( Mektovi ) rispetto alla scelta dei ricercatori di Irinotecan o FOLFIRI più Cetuximab in pazienti con tumore colorettale metastatico ( mCRC ) BRAFV 600E-mutato, dopo la progressione con uno o due precedenti regimi.

Nell'analisi primaria riportata in precedenza, i regimi Encorafenib, Binimetinib più Cetuximab ( ENCO/BINI/CETUX; tripletta ) ed Encorafenib più Cetuximab ( ENCO/CETUX; doppietta ) hanno migliorato la sopravvivenza globale ( OS ) e il tasso di risposta oggettiva ( ORR; mediante revisione centrale in cieco ) rispetto allo standard di cura.

È stata fatta un’analisi per riportare i dati aggiornati di efficacia e sicurezza.

In questo studio di fase III in aperto, 665 pazienti con carcinoma colorettale metastatico con mutazione BRAF V600E sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la terapia tripletta, doppietta o il controllo.

Gli endpoint primari erano sopravvivenza globale e tasso di risposta obiettiva rivisti in modo indipendente confrontando la tripletta con il controllo.
La sopravvivenza globale per la doppietta rispetto al controllo era un endpoint secondario chiave.

Le analisi aggiornate hanno incluso 6 mesi di follow-up aggiuntivo e il tasso di risposta obiettiva per tutti i pazienti randomizzati.

I pazienti hanno ricevuto la tripletta ( n=224 ), la doppietta (n=220) o il controllo ( n=221 ).

La sopravvivenza mediana globale è stata di 9.3 mesi per la tripletta e 5.9 mesi per il controllo ( hazard ratio, HR=0.60 ).
La sopravvivenza mediana globale per la doppietta è stata di 9.3 mesi ( HR vs controllo, 0.61 ).

Il tasso di risposta obiettiva confermato è stato del 26.8% per la tripletta, 19.5% per la doppietta e 1.8% per il controllo.

Gli eventi avversi sono stati coerenti con la precedente analisi primaria, con eventi avversi di grado 3 o superiore nel 65.8%, 57.4% e 64.2% dei pazienti, rispettivamente, per la tripletta, la doppietta e il controllo.

Nello studio BEACON CRC, Encorafenib più Cetuximab ha migliorato la sopravvivenza globale, il tasso di risposta obiettiva e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) in pazienti precedentemente trattati in ambito metastatico rispetto alla chemioterapia standard.
Sulla base delle analisi primarie e aggiornate, Encorafenib più Cetuximab è un nuovo regime di cura standard per pazienti precedentemente trattati con carcinoma colorettale con mutazione BRAF V600E, metastatico. ( Xagena2021 )

Tabernero J et al, J Clin Oncol 2021; 39: 273-284

Gastro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro