BMS
Novartis
Lung Unit
ForumOncologico

Gefitinib versus Gefitinib più chemioterapia con Pemetrexed e Carboplatino nel tumore polmonare EGFR-mutato


La terapia di prima linea standard per il tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazione EGFR, in fase avanzata, è rappresentata da un inibitore orale della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ).
L'aggiunta di chemioterapia con Pemetrexed e Carboplatino a un inibitore orale della tirosin-chinasi può migliorare gli esiti.

È stato condotto uno studio di fase III, randomizzato, in pazienti con tumore NSCLC avanzato portatori di una mutazione EGFR-sensibilizzante e un performance status di 0-2 destinati a ricevere una terapia palliativa di prima linea.

L'assegnazione casuale era a Gefitinib ( Iressa ) 250 mg per via orale al giorno o Gefitinib 250 mg per via orale al giorno più Pemetrexed 500 mg/m2 e Carboplatino AUC ( area sotto la curva ) 5 per via endovenosa ogni 3 settimane per quattro cicli, seguito da mantenimento con Pemetrexed ( Gefitinib più chemioterapia ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ); gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale ( OS ), il tasso di risposta e la tossicità.

Tra il 2016 e il 2018, 350 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Gefitinib ( n=176 ) e Gefitinib + chemioterapia ( n=174 ).
Il 21% dei pazienti presentava un performance status di 2, e il 18% dei pazienti presentava metastasi cerebrali.
Il tempo di follow-up mediano è stato di 17 mesi.

I tassi di risposta radiologica sono stati rispettivamente del 75% e del 63% nei bracci Gefitinib + chemioterapia e Gefitinib ( P=0.01 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) stimata era significativamente più lunga con Gefitinib + chemioterapia rispetto a Gefitinib ( 16 mesi vs 8 mesi, rispettivamente; hazard ratio per progressione della malattia o morte, 0.51; P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana stimata è risultata significativamente più lunga con Gefitinib + chemioterapia rispetto a Gefitinib ( non-raggiunta versus 17 mesi; hazard ratio per la mortalità, HR=0.45; P minore di 0.001 ).
Tossicità di grado 3 o superiore clinicamente rilevanti si sono verificate nel 51% e nel 25% dei pazienti, rispettivamente, nei bracci Gefitinib + chemioterapia e Gefitinib ( P minore di 0.001 ).

L'aggiunta della chemioterapia con Pemetrexed e Carboplatino a Gefitinib ha prolungato significativamente la sopravvivenza senza progressione e la sopravvivenza globale ma ha aumentato la tossicità nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule. ( Xagena2020 )

Noronha V et al, J Clin Oncol 2020; 38: 124-136

Onco2020 Pneumo2020 Farma2020


Indietro