BMS
Lung Unit
Novartis
Tumore Vescica

Incidenza e rischio di ipocalcemia correlata a Denosumab nei pazienti oncologici


Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare la frequenza e il rischio relativo di ipocalcemia nei pazienti oncologici trattati con Denosumab ( Xgeva ).

Sono stati inclusi nella meta-analisi un totale di 8990 pazienti con una varietà di tumori solidi provenienti da sette studi randomizzati.

L'incidenza complessiva di ipocalcemia di qualsiasi grado e ad alto grado nei pazienti con cancro è stata pari al 5.2% ( intervallo di confidenza del 95% [CI]: 2.8-9.3% ) e 2.0% ( IC 95%: 0.7-5.5% ), rispettivamente.

L'uso di Denosumab è risultato associato a un significativo aumento del rischio di sviluppare ipocalcemia di qualsiasi grado ( RR=1.932, 95% CI: 1.590-2.347, p inferiore a 0.001 ) e di grado elevato ( RR=4.027, 95% CI: 2.346-6.912, p inferiore a 0.001 ) rispetto ai controlli.

Dall’analisi è emerso che l'uso di Denosumab era associato a un aumento significativo del rischio di sviluppare ipocalcemia ( p inferiore a 0.001 ).
I medici devono essere consapevoli di questo effetto avverso e devono monitorare i pazienti oncologici trattati con Denosumab. ( Xagena2013 )

Qi WX et al, Curr Med Res Opin 2013; 29:1067-1073

Endo2013 Onco2013 Farma2013


Indietro