BMS
Cortinovis SCLC 2021
Novartis
Roche Oncologia

Ipilimumab dopo radioterapia nel carcinoma della prostata metastatico resistente alla castrazione progredito dopo chemioterapia con Docetaxel


Ipilimumab ( Yervoy ) è un anticorpo monoclonale interamente umano che si lega all’antigene 4 dei linfociti T citotossici ( CTLA-4 ) per aumentare l'immunità antitumorale.

È stato valutato l'utilizzo di Ipilimumab dopo la radioterapia nei pazienti con tumore alla prostata metastatico resistente a castrazione progredito dopo chemioterapia con Docetaxel.

In uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, di fase 3 ( CA184-043 ), gli uomini con almeno una metastasi ossea da carcinoma alla prostata resistente alla castrazione, che era progredito dopo il trattamento con Docetaxel, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere radioterapia diretta all’osso ( 8 Gy in una frazione ) seguita da Ipilimumab 10 mg/kg oppure placebo ogni 3 settimane fino a 4 dosi.
I pazienti senza progressione hanno continuato a ricevere Ipilimumab a 10 mg/kg oppure placebo come terapia di mantenimento ogni 3 mesi fino a progressione della malattia, inaccettabile effetto tossico, o morte.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale ad entrambi i gruppi di trattamento e sono stati stratificati per performance status ECOG ( Eastern Cooperative Oncology Group ), concentrazione della fosfatasi alcalina, concentrazione di emoglobina, e sito dell’analisi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale, valutata nella popolazione intention-to-treat.

Dal 2009 al 2012, 799 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( 399 a Ipilimumab e 400 a placebo ) e sono stati inclusi nell'analisi intention-to-treat.

La sopravvivenza globale media è stata 11.2 mesi con Ipilimumab e 10.0 mesi con il placebo ( hazard ratio HR 0.85; P=0.053 ).

Tuttavia, la valutazione dell’assunzione dei rischi proporzionali ha mostrato che era stata violata ( P=0.0031 ).
Un modello di rischio a sezioni ha mostrato che l’hazard ratio è cambiato nel corso del tempo: HR per 0-5 mesi è stato pari a 1.46, per 5-12 mesi è stato pari a 0.65 e per oltre 12 mesi è stato pari a 0.60.

I più comuni eventi avversi di grado 3-4 erano immuno-correlati, si sono verificati in 101 pazienti nel gruppo Ipilimumab ( 26% ) e in 11 pazienti nel gruppo placebo ( 3% ).
I più frequenti eventi avversi di grado 3-4 hanno incluso diarrea ( 64 pazienti su 393 nel gruppo Ipilimumab, 16%, vs 7 su 396 nel gruppo placebo, 2% ), affaticamento ( 40, 11%, vs 35, 9% ), anemia ( 40, 10%, vs 43, 11% ) e colite ( 18, 5% vs 0 ).
Si sono verificati 4 decessi ( 1% ) a causa degli effetti tossici del farmaco in studio, tutti nel gruppo Ipilimumab.

Sebbene non vi sia stata alcuna differenza significativa tra il gruppo Ipilimumab e il gruppo placebo in termini di sopravvivenza globale nell’analisi primaria, ci sono stati segni di attività con il farmaco che richiedono ulteriori indagini. ( Xagena2014 )

Kwon ED et al, Lancet 2014;15:700-712

Uro2014 Onco2014 Farma2014


Indietro