Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Novartis
Tumore prostata

Ivosidenib per colangiocarcinoma IDH1-mutato, refrattario alla chemioterapia: studio ClarIDHy


Le mutazioni dell'isocitrato deidrogenasi 1 ( IDH1 ) si verificano in circa il 13% dei pazienti con colangiocarcinoma intraepatico, un tumore relativamente non-comune con esito clinico sfavorevole.
Questo studio internazionale di fase 3 ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Ivosidenib ( Tibsovo ), un inibitore mirato di IDH1 mutato formulato in una piccola molecola, in pazienti con colangiocarcinoma IDH1-mutato precedentemente trattato.

Lo studio di fase 3 multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo ClarIDHy ha incluso pazienti di 49 ospedali in 6 Paesi di almeno 18 anni con colangiocarcinoma IDH1-mutato confermato istologicamente, avanzato, progredito con la precedente terapia, e che avevano avuto fino a due precedenti regimi di trattamento per malattia avanzata, punteggio ECOG performance status pari a 0 o 1 e una lesione misurabile come definito dai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1.

I pazienti sono stati stratificati in base al numero di precedenti regimi di trattamento sistemico per malattia avanzata e sono stati assegnati in modo casuale a Ivosidenib 500 mg o placebo una volta al giorno in cicli continui di 28 giorni.
Il passaggio dal placebo a Ivosidenib è stato permesso in presenza di progressione radiologica.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. La popolazione intention-to-treat ( ITT ) è stata utilizzata per le analisi di efficacia primaria.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di Ivosidenib oppure placebo.

Tra il 2017 e il 2019, 230 pazienti sono stati valutati per l'idoneità e al cutoff dei dati, 185 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Ivosidenib ( n=124 ) o placebo ( n=61 ).
Il follow-up mediano per la sopravvivenza libera da progressione è stato di 6.9 mesi.

La sopravvivenza libera da progressione è significativamente migliorata con Ivosidenib rispetto al placebo ( mediana 2.7 mesi vs 1.4 mesi; hazard ratio, HR 0.37; P minore di 0.0001 ).

L'evento avverso di grado 3 o peggiore più comune in entrambi i gruppi di trattamento è stato l'ascite ( 4 su 59 pazienti, 7%, trattati con placebo e 9 su 121 pazienti, 7%, trattati con Ivosidenib ).
Sono stati segnalati eventi avversi gravi in ​​36 su 121 pazienti (30%) trattati con Ivosidenib e in 13 su 59 ( 22% ) trattati con placebo.
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

La sopravvivenza libera da progressione è significativamente migliorata con Ivosidenib rispetto al placebo, e Ivosidenib è stato ben tollerato.
Questo studio ha mostrato il beneficio clinico delle terapie mirate alle mutazioni di IDH1 nel colangiocarcinoma IDH1-mutato in fase avanzata. ( Xagena2020 )

Abou-Alfa GK et al, Lancet Oncology 2020; 21: 796-807

Onco2020 Gastro2020 Farma2020


Indietro