Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub
Roche Oncologia

La chemioterapia di induzione seguita dalla radioterapia con Cetuximab non è superiore alla chemioradioterapia concomitante per i carcinomi del testa-collo


Sia la chemioradioterapia concomitante ( CT-RT ) che la radioterapia con Cetuximab ( Cetux-RT; Erbitux ) sono state stabilite come standard di cura per il trattamento del carcinoma a cellule squamose localmente avanzato della testa e del collo.
Non era noto se l'aggiunta della chemioterapia di induzione prima di Cetux-RT potesse migliorare i risultati rispetto a CT-RT standard di cura.

È stato effettuato uno studio limitato a pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo N2b, N2c o N3 non-metastatico idonei per Taxotere, Cisplatino, Fluorouracile ( TPF ).
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere tre cicli di regime TPF seguiti da Cetux-RT versus concomitante Carboplatino Fluorouracile e radioterapia come raccomandato nelle lineeguida NCCN ( National Comprehensive Cancer Network ).

Lo studio è stato alimentato per rilevare un hazard ratio ( HR ) di 0.66 a favore del regime TPF più Cetux-RT per la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni.
L'inclusione di 180 pazienti per braccio è stata necessaria per raggiungere l'80% di potenza a un livello di significatività bilaterale di 0.05.

Tra il 2009 e il 2013 sono stati inclusi 370 pazienti. Tutte le caratteristiche dei pazienti e dei tumori erano ben bilanciate tra i bracci.
Vi sono stati più casi di neutropenia di grado 3 e 4 nel braccio di induzione, e il regime TPF di induzione è stato associato al 6.6% dei decessi correlati al trattamento.

Con un follow-up mediano di 2.8 anni, la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni non era diversa tra i due bracci ( CT-RT, 0.38 vs TPF + Cetux-RT, 0.36; HR, 0.93; P=0.58 ).

L'hazard ratio era 0.98 ( P=0.90 ) per il controllo locoregionale e 1.12 ( P=0.39 ) per la sopravvivenza globale.

Questi effetti sono stati osservati indipendentemente dallo stato di p16.

Il tasso di metastasi a distanza è risultato più basso nel braccio regime TPF ( HR=0.54; P=0.05 ).

In conclusione, l'induzione con il regime TPF seguita da radioterapia con Cetuximab non ha migliorato i risultati rispetto alla chemioradioterapia concomitante in una popolazione di pazienti con linfoadenopatia cervicale avanzata. ( Xagena2018 )

Geoffrois L et al, J Clin Oncol 2018; 36: 3077-3083

Onco2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro