Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumori testa-collo

La combinazione Dabrafenib e Trametinib aumenta la sopravvivenza libera da progressione nel melanoma metastatico BRAF-positivo


I dati di uno studio di fase 3, COMBI-D, hanno mostrato che la combinazione di Dabrafenib ( Tafinlar ) e Trametinib ( Mekinist ) era superiore a Dabrafenib più placebo nel migliorare la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con melanoma metastatico positivo per BRAFV600.

Un totale di 423 pazienti con melanoma BRAFV600+, metastatico, sono stati assegnati in modo casuale a Dabrafenib 150 mg, due volte al giorno, e a Trametinib 2 mg, una volta al giorno, oppure a Dabrafenib più placebo.

L’endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da progressione; gli endpoint secondari erano la sopravvivenza globale, il tasso di risposta globale ( ORR ), la durata della risposta e la sicurezza.

I pazienti arruolati avevano malattia non-resecabile di stadio IIIC o IV, ECOG performance status minore o uguale a 1, e dovevano avere 18 anni o età superiore.

L’associazione Dabrafenib più Trametinib è risultata superiore al solo Dabrafenib in termini di sopravvivenza mediana senza progressione ( 9.3 vs 8.8 mesi; hazard ratio, HR=0.75 ) e ORR ( 67% vs 51%, p=0.0015 ).

Inoltre, la combinazione era associata a un miglioramento ( valutazione ad interim ) della sopravvivenza globale, rispetto a Dabrafenib più placebo ( HR=0.63 ) [ 40 decessi nel braccio Dabrafenib più Trametinib versus 55 nel braccio Dabrafenib più placebo ].

A 6 mesi la sopravvivenza libera da progressione è stata del 70% nel braccio di combinazione contro il 57% nel braccio in monoterapia.

Le dosi sono state modificate nel braccio Dabrafenib più Trametinib a causa del presentarsi di eventi avversi, anche se il tasso di reazioni avverse è risultato simile tra i due gruppi di trattamento.

Rispetto al braccio Dabrafenib più placebo, i pazienti trattati con la combinazione Dabrafenib più Trametinib sono andati incontro a più frequente ( 28% vs 51% ) e a più grave piressia di grado 3 ( 2% vs 6% ).
Tuttavia, gli eventi iperproliferativi cutanei, come il carcinoma cutaneo a cellule squamose e la ipercheratosi, si sono verificati più frequentemente nel braccio Dabrafenib più placebo.

Dallo studio è emerso che la combinazione Dabrafenib e Trametinib ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto al solo Dabrafenib, con una riduzione del 25% del rischio di progressione e un hazard ratio di 0.75 ( P-value pari a 0.035 ).
A 6 mesi la sopravvivenza libera da progressione è stata del 57% contro il 70% nel gruppo di combinazione. ( Xagena2014 )

Fonte: ASCO Annual Meeting, 2014

Onco2014 Dermo2014 Farma2014


Indietro