Oncologia Morabito
Roche Oncologia
OncoHub
Novartis

Lomustina e Bevacizumab nel glioblastoma progressivo


Bevacizumab ( Avastin ) è approvato per il trattamento di pazienti con glioblastoma progressivo sulla base di dati non-controllati.
I dati di uno studio di fase 2 hanno suggerito che l'aggiunta di Bevacizumab a Lomustina potrebbe migliorare la sopravvivenza complessiva rispetto alle monoterapie.
Si è determinato se la combinazione comporti una sopravvivenza complessiva più lunga rispetto alla sola Lomustina tra i pazienti alla prima progressione del glioblastoma.

Sono stati randomizzati i pazienti con progressione dopo la chemioradioterapia a ricevere Lomustina più Bevacizumab ( gruppo di associazione, 288 pazienti ) o Lomustina da sola ( gruppo in monoterapia, 149 pazienti ).
È stato valutato lo stato di metilazione del promotore di O6-metilguanina-DNA metiltransferasi ( MGMT ).
La qualità di vita correlata alla salute e la funzione neurocognitiva sono state valutate al basale e ogni 12 settimane.

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza globale.

In totale 437 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione. Il numero medio di cicli di trattamento di 6 settimane è stato 3 nel gruppo di associazione e 1 nel gruppo in monoterapia.

Con 329 eventi di sopravvivenza complessivi ( 75.3% ), la terapia di combinazione non ha fornito un vantaggio di sopravvivenza; la sopravvivenza globale mediana è stata di 9.1 mesi nel gruppo di associazione e 8.6 mesi nel gruppo in monoterapia ( hazard ratio per morte, HR=0.95; P=0.65 ).

La sopravvivenza libera da progressione valutata localmente è stata di 2.7 mesi in più rispetto al gruppo in monoterapia: 4.2 mesi vs 1.5 mesi ( hazard ratio per progressione della malattia o morte, 0.49; P minore di 0.001 ).

Eventi avversi di grado da 3 a 5 si sono verificati nel 63.6% dei pazienti nel gruppo associazione e nel 38.1% dei pazienti nel gruppo in monoterapia.

L'aggiunta di Bevacizumab a Lomustina non ha influito né sulla qualità di vita correlata alla salute né sulla funzione neurocognitiva.

Lo stato di MGMT è risultato prognostico.

In conclusione, nonostante una sopravvivenza libera da progressione piuttosto prolungata, il trattamento con Lomustina più Bevacizumab non ha conferito un vantaggio di sopravvivenza rispetto al trattamento con la sola Lomustina nei pazienti con glioblastoma progressivo. ( Xagena2017 )

Wick W et al, N Engl J Med 2017; 377: 1954-1963

Onco2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro