OncoHub
Roche Oncologia
Novartis
Oncologia Morabito

Malattia cardiovascolare tra i sopravvissuti a cancro insorto nell'infanzia o da giovani adulti


Le malattie cardiovascolari, tra cui cardiopatia ischemica, ictus e scompenso cardiaco, sono noti effetti tardivi della terapia nei sopravvissuti a cancro nell’infanzia o da giovani adulti ( meno di 40 anni al momento della diagnosi di tumore ); ci cono meno informazioni per quanto riguarda la malattia cardiovascolare nei sopravvissuti a lungo termine a tumore con insorgenza nell'età adulta ( 40 anni e oltre ).

È stato utilizzato uno studio di coorte retrospettivo per descrivere la grandezza del rischio cardiovascolare in 36.232 sopravvissuti a cancro in età adulta a 2 anni e oltre rispetto a controlli senza tumore abbinati per età, sesso, e zona di residenza ( n=73.545 ) all'interno di una grande Organizzazione sanitaria.
È stato esaminato l'impatto dei fattori di rischio cardiovascolare ( ipertensione, diabete mellito, dislipidemia ) sul rischio cardiovascolare a lungo termine nei pazienti sopravvissuti a cancro.

I sopravvissuti a mieloma multiplo ( incidence rate ratio, IRR=1.70; P minore di 0.01 ), carcinoma del polmone / bronchi ( IRR=1.58; P minore di 0.01), linfoma non-Hodgkin ( IRR=1.41; P minore di 0.01 ) e cancro al seno ( IRR=1.13; P minore di 0.01 ) avevano significativamente più alto rischio cardiovascolare rispetto ai controlli non-oncologici.

Per contro, i sopravvissuti a cancro alla prostata avevano un più basso rischio cardiovascolare ( IRR=0.89; P minore di 0.01 ) rispetto ai controlli.

I sopravvissuti al tumore con due o più fattori di rischio cardiovascolare avevano più alto rischio di malattia cardiovascolare rispetto ai controlli non-oncologici con meno di due fattori di rischio cardiovascolare ( IRR, 1.83-2.59; P minore di 0.01 ).

La sopravvivenza globale a 8 anni è risultata significativamente peggiore tra i sopravvissuti al cancro che hanno sviluppato malattie cardiovascolari ( 60% ) se confrontati con i sopravvissuti al cancro senza malattia cardiovascolare ( 81%; P minore di 0.01 ).

In conclusione, la grandezza del successivo rischio cardiovascolare varia in base al sottotipo di cancro e alla presenza di fattori di rischio cardiovascolari.
La sopravvivenza globale nei sopravvissuti che sviluppano malattia cardiovascolare è scarsa, sottolineando la necessità di strategie di prevenzione mirate per i soggetti a più alto rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari. ( Xagena2016 )

Armenian SH et al, J Clin Oncol 2016; 34: 1122-1130

Cardio2016 Onco2016



Indietro