Novartis
Lung Unit
BMS
Roche Oncologia

Nintedanib in associazione con Pemetrexed e Cisplatino per i pazienti naive alla chemioterapia con mesotelioma pleurico maligno avanzato: studio LUME-Meso


Nintedanib ( Vargatef ) è mirato ai recettori VEGF 1-3, i recettori PDGF alfa e beta, i recettori FGF 1-3 e le chinasi Src e Abl, tutti coinvolti nella patogenesi del mesotelioma pleurico maligno.

Sono stati riportati gli esiti finali della parte di fase 3 dello studio LUME-Meso, che aveva come obiettivo quello di studiare l'efficacia e la sicurezza di Pemetrexed ( Alimta ) più Cisplatino combinato con Nintedanib oppure placebo nel mesotelioma pleurico maligno non-resecabile.

Questo studio di fase 3 in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, è stato condotto in 120 Centri medici accademici e cliniche in 27 Paesi in tutto il mondo.
Gli adulti naive-alla-chemioterapia di età a partire da 18 anni con mesotelioma pleurico maligno epitelioide non-resecabile e stato di prestazione ECOG 0-1 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere fino a 6 cicli di 21 giorni di Pemetrexed ( 500 mg/m2 ) più Cisplatino ( 75 mg/m2 ) il giorno 1, quindi Nintedanib ( 200 mg due volte al giorno ) oppure placebo corrispondente nei giorni 2-21.

I pazienti senza progressione della malattia dopo 6 cicli hanno ricevuto Nintedanib o mantenimento con placebo nei giorni 1-21 di ciascun ciclo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( valutata secondo mRECIST ) nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio assegnato.

Tra il 2016 e il 2018, 541 pazienti sono stati sottoposti a screening e 458 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Nintedanib ( n=229 ) o al gruppo placebo ( n=229 ).
La durata mediana del trattamento è stata di 5.3 mesi nel gruppo Nintedanib e 5.1 mesi nel gruppo placebo.

Dopo 250 eventi, la sopravvivenza libera da progressione non era diversa tra il gruppo Nintedanib ( mediana 6.8 mesi ) e il gruppo placebo ( 7.0 mesi; hazard ratio, HR 1.01, P=0.91 ).

L'evento avverso di grado 3 o maggiore riportato più frequentemente in entrambi i gruppi di trattamento è stata la neutropenia ( 73, 32% nel gruppo Nintedanib vs 54, 24%, nel gruppo placebo ).

Sono stati segnalati eventi avversi gravi in ​​99 pazienti ( 44% ) nel gruppo Nintedanib e 89 pazienti ( 39% ) nel gruppo placebo.
L'unico evento avverso grave che si è verificato in almeno il 5% dei pazienti in entrambi i gruppi è stata l'embolia polmonare ( 13, 6%, vs 7, 3% ).

L'endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione della parte di fase 3 di LUME-Meso non è stato raggiunto e i risultati della fase 2 non sono stati confermati.
Non sono stati segnalati risultati di sicurezza imprevisti. ( Xagena2019 )

Scagliotti GV et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 569-580

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro