Oncologia Morabito
Roche Oncologia
OncoHub
Novartis

Nivolumab adiuvante rispetto a Ipilimumab nel melanoma in stadio III o IV resecato


Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) sono inibitori del checkpoint immunitario che sono stati approvati per il trattamento del melanoma avanzato.
Negli Stati Uniti, Ipilimumab è stato anche approvato come terapia adiuvante per il melanoma sulla base dei tassi di sopravvivenza libera da recidiva e di sopravvivenza complessiva più elevati rispetto a quelli con placebo in uno studio di fase 3.

È stata determinata l'efficacia di Nivolumab rispetto a Ipilimumab per la terapia adiuvante in pazienti con melanoma avanzato resecato.

In uno studio randomizzato, in doppio cieco, di fase 3, sono stati assegnati in modo casuale 906 pazienti a partire da 15 anni di età sottoposti a resezione completa di melanoma in stadio IIIB, IIIC o IV a ricevere una infusione endovenosa di Nivolumab alla dose di 3 mg per chilogrammo ( kg ) di peso corporeo ogni 2 settimane ( 453 pazienti ) o Ipilimumab alla dose di 10 mg per kg ogni 3 settimane per 4 dosi e successivamente ogni 12 settimane ( n=453 ).

I pazienti sono stati trattati fino a 1 anno o fino a ricorrenza della malattia, effetti tossici inaccettabili o ritiro del consenso.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da recidiva nella popolazione intention-to-treat.

A un follow-up minimo di 18 mesi, il tasso a 12 mesi di sopravvivenza libera da recidiva è stato del 70.5% nel gruppo Nivolumab e del 60.8% nel gruppo Ipilimumab ( hazard ratio per recidiva della malattia o morte, HR=0.65; P minore di 0.001 ).

Eventi avversi di grado 3 o 4 correlati al trattamento sono stati riportati nel 14.4% dei pazienti nel gruppo Nivolumab e nel 45.9% di quelli nel gruppo Ipilimumab; il trattamento è stato interrotto a causa di un evento avverso, rispettivamente, nel 9.7% e nel 42.6% dei pazienti.
Sono stati riportati 2 decessi ( 0.4% ) correlati a effetti tossici nel gruppo Ipilimumab più di 100 giorni dopo il trattamento.

In conclusione, tra i pazienti sottoposti a resezione del melanoma in stadio IIIB, IIIC o IV, la terapia adiuvante con Nivolumab ha comportato una sopravvivenza libera da recidiva significativamente più lunga e un tasso inferiore di eventi avversi di grado 3 o 4 rispetto alla terapia adiuvante con Ipilimumab. ( Xagena2017 )

Weber J et al, N Engl J Med 2017; 377: 1824-1835

Onco2017 Dermo2017 Farma2017


Indietro