Lung Unit
Tumore Uroteliale
XagenaNewsletter
Tumore Mammella

Nivolumab è efficace nel tumore non-colorettale con deficit di riparazione del mismatch


Lo studio NCI-MATCH ( National Cancer Institute Molecular Analysis for Therapy Choice ), per ora il più grande studio di oncologia di precisione nazionale svolto in più di 1.100 siti su pazienti con tumori recidivanti o refrattari, ha assegnato i pazienti a terapia mirata in studi paralleli di fase 2 basati su alterazioni molecolari del tumore.

L’inibitore di PD-1 Nivolumab ( Opdivo ) aveva precedentemente mostrato attività nel tumore del colon con deficit di riparazione del mismatch ( MMR ).
Si è ipotizzato che Nivolumab possa avere attività nei pazienti con tumori non-colorettali con deficit di MMR.

I pazienti eleggibili con tumori recidivanti o refrattari, una buona funzione degli organi terminali ed ECOG performance status di 1 o inferiore sono stati sottoposti a biopsia tumorale per lo screening delle alterazioni molecolari.
Il deficit di MMR è stato definito dalla completa perdita di espressione nucleare dei prodotti genici MLH1 o MSH2 MMR mediante immunoistochimica ( IHC ).
Sono stati esclusi i pazienti con tumore del colon-retto con deficit di MMR.

È stato somministrato per via endovenosa Nivolumab 3 mg/kg ogni 2 settimane ( cicli di 28 giorni ) e 480 mg ogni 4 settimane dopo il ciclo 4.
La rivalutazione della malattia è stata eseguita ogni 2 cicli.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST 1.1.

Il 2% di 4.902 pazienti sottoposti a screening presentava un tumore con deficit di MMR secondo la tecnica IHC.
Sono stati arruolati 42 pazienti valutabili, con un'età media di 60 anni e una mediana di 3 terapie precedenti.

Le istologie più comuni erano l'adenocarcinoma endometriale endometrioide ( n=13 ), l'adenocarcinoma prostatico ( n=5 ) e il carcinosarcoma uterino ( n=4 ).

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 36% ( 15 su 42 pazienti ).
Un ulteriore 21% dei pazienti aveva malattia stabile.

I tassi di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 6, 12 e 18 mesi stimati sono stati del 51.3%, 46.2% e 31.4%.

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 17.3 mesi.

La tossicità è stata prevalentemente di basso grado.

Una varietà di tumori refrattari ( 2.0% di quelli sottoposti a screening ) presentava deficit di MMR come definito in NCI-MATCH.
Nivolumab ha mostrato una promettente attività nei tumori non-colorettali con deficit di MMR in un'ampia varietà di tipi istopatologici. ( Xagena2020 )

Azad NS et al, J Clin Oncol 2020; 38: 214-222

Onco2020 Farma2020


Indietro