Novartis
BMS
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021

Pembrolizumab presenta attività antitumorale nel carcinoma nasofaringeo avanzato


I risultati dello studio clinico KEYNOTE-028 hanno mostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) presenta attività antitumorale e un profilo di sicurezza gestibile tra i pazienti con carcinoma nasofaringeo ricorrente o metastatico con espressione di PD-L1.

Le opzioni terapeutiche per il carcinoma nasofaringeo rimangono limitate; la cura standard per la malattia ricorrente o metastatica non va oltre la chemioterapia a base di Platino.
Una percentuale tra l’89% e il 95% dei carcinomi nasofaringei esprime PD-L1

 Pembrolizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato altamente selettivo che blocca direttamente l'interazione tra PD-1 e PD-L1.

Nello studio KEYNOTE-028, sono state esaminate la sicurezza e l'attività antitumorale di Pembrolizumab in 20 tipi di tumori maligni avanzati, tra cui i carcinomi nasofaringei.
27 pazienti ( età media, 52 anni ) con carcinoma nasofaringeo avanzato PD-L1-positivo, in cui era fallita una precedente terapia standard, hanno ricevuto 10 mg/kg di Pembrolizumab ogni 2 settimane fino a 2 anni o fino alla progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.

I ricercatori hanno misurato la risposta tumorale con i criteri RECIST ogni 8 settimane per i primi 6 mesi e, successivamente, ogni 12 settimane.

Il tasso di risposta obiettiva era l'endpoint primario. Gli endpoint secondari hanno incluso sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), sopravvivenza globale ( OS ), durata della risposta, sicurezza e tollerabilità.

La maggior parte dei pazienti ( 92.6% ) aveva ricevuto una terapia in precedenza; il 70.4% aveva ricevuto tre o più terapie.

In un follow-up mediano di 20 mesi, è stata ottenuta una risposta parziale in 7 pazienti e una malattia stabile in 14 pazienti, indicando un ORR del 25.9%.
La revisione centrale ha mostrato un ORR al 26.3%.

Eventi avversi correlati a Pembrolizumab si sono verificati nel 15% o più dei pazienti. Gli eventi avversi comuni hanno incluso eruzione cutanea ( 25.9% ), prurito ( 25.9% ), dolore ( 22.2% ), ipotiroidismo ( 18.5% ) e stanchezza ( 18.5% ).
In 8 pazienti ( 29.6% ) si sono verificati eventi avversi di grado 3 o superiore, correlati al farmaco.
Si è verificato un decesso correlato al farmaco per sepsi.

Al cutoff dello studio, 3 pazienti avevano completato la terapia di 2 anni con Pembrolizumab e 2 sono rimasti nello studio.
22 pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di progressione della malattia ( 48% ), eventi avversi ( 18.5% ), decisione del medico ( 7.4% ) e ritiro del paziente ( 7.4% ). ( Xagena2017 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2017

Onco2017 Oto2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro