Roche Oncologia
Novartis
Cortinovis SCLC 2021
BMS

Pertuzumab, Trastuzumab più Docetaxel per il cancro alla mammella metastatico


Trastuzumab ( Herceptin ), un anticorpo monoclonale umanizzato contro il recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ), migliora l’esito nelle pazienti con carcinoma mammario metastatico positivo per HER2.

Tuttavia, la maggior parte dei casi di malattia avanzata progredisce.

Pertuzumab ( Perjeta ), un anticorpo monoclonale umanizzato anti-HER2 che inibisce la dimerizzazione del recettore, ha un meccanismo di azione complementare a quello di Trastuzumab e la terapia di combinazione con i due anticorpi ha mostrato un’attività promettente e un profilo di sicurezza accettabile in studi di fase 2 che hanno coinvolto pazienti con tumore alla mammella HER2+.

In uno studio, 808 pazienti con tumore al seno metastatico positivo per HER2 sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere placebo più Trastuzumab più Docetaxel [ Taxotere ] ( gruppo controllo ) o Pertuzumab più Trastuzumab più Docetaxel ( gruppo Pertuzumab ) come trattamento di prima linea fino al momento della progressione della malattia o allo sviluppo di effetti tossici che potrebbero non essere gestiti in modo efficace.

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata in modo indipendente.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza generale, la sopravvivenza libera da progressione valutata dai ricercatori, il tasso di risposta obbiettiva e la sicurezza.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 12.4 mesi nel gruppo controllo, rispetto a 18.5 mesi nel gruppo Pertuzumab ( hazard ratio per progressione o decesso, 0.62; P inferiore a 0.001 ).

L’analisi ad interim della sopravvivenza generale ha mostrato una forte tendenza in favore di Pertuzumab più Trastuzumab più Docetaxel.

Il profilo di sicurezza è risultato generalmente simile nei 2 gruppi, senza aumento nella disfunzione sistolica ventricolare sinistra; i tassi di neutropenia febbrile e diarrea di grado 3 o superiore sono risultati più elevati nel gruppo Pertuzumab che nel gruppo controllo.

In conclusione, la combinazione di Pertuzumab più Trastuzumab più Docetaxel, rispetto a placebo più Trastuzumab più Docetaxel, quando utilizzato come trattamento di prima linea per carcinoma mammario metastatico positivo per HER2, ha prolungato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione, senza aumento degli effetti tossici cardiaci. ( Xagena2012 )

Baselga J et al, N Engl J Med 2012; 366: 109-119

Onco2012 Gyne2012 Farma2012


Indietro