Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Qualità di vita correlata alla salute con Carboplatino - Paclitaxel o nab-Paclitaxel con o senza Pembrolizumab nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule squamoso metastatico


Nello studio di fase 3 KEYNOTE-407, l'aggiunta di Pembrolizumab ( Keytruda ) a Carboplatino + Paclitaxel / nab-Paclitaxel ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) squamoso metastatico non-trattato in precedenza, con ridotto impatto sulla tossicità grave.

Sono stati presentati gli esiti riportati dai pazienti ( PRO ) partecipanti a KEYNOTE-407.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 4 cicli di Pembrolizumab 200 mg oppure placebo una volta ogni 3 settimane più Carboplatino più Paclitaxel o nab-Paclitaxel, seguiti da Pembrolizumab oppure placebo per altri 31 cicli.

La qualità di vita correlata alla salute ( HRQoL ) è stata valutata utilizzando i questionari QLQ-C30 ( European Organisation for Research and Treatment of Cancer Treatment of Cancer Quality of Life Questionnaire-Core 30 ) e QLQ-LC13 ( Quality of Life Questionnaire-Lung Cancer Module 13 ).

Gli endpoint chiave dei PRO erano il cambiamento dal basale alle settimane 9 e 18 ( durante e dopo la terapia con Platino ) nel punteggio QLQ-C30 su stato di salute globale / qualità di vita ( GHS/QoL ) e il tempo al deterioramento nell'endpoint composito di tosse, dolore toracico o dispnea dai questionari QLQ-C30 e QLQ-LC13.

In totale 554 e 553 pazienti hanno completato rispettivamente una o più valutazioni QLQ-C30 o QLQ-LC13.

Il punteggio GHS/QoL è migliorato nel gruppo di combinazione con Pembrolizumab ( variazione della media dei minimi quadrati LS dal basale: settimana 9, 1.8; settimana 18, 4.3 ) ed è peggiorato nel gruppo trattato con placebo ( settimana 9, -1.8; settimana 18, -0,57 ).

Le differenze tra i gruppi sono migliorate nel gruppo di combinazione con Pembrolizumab ( differenza nei punteggi medi LS: settimana 9, 3.6, P nominale=0.0337; settimana 18, 4.9, P nominale=0.0060 ).

Il tempo mediano al peggioramento di tosse, dolore toracico o dispnea non è stato raggiunto in nessuno dei due gruppi ( hazard ratio, HR=0.79; P nominale=0.125 ).

L'aggiunta di Pembrolizumab alla chemioterapia ha mantenuto o migliorato le misurazioni della qualità di vita correlata alla salute, rispetto al basale, e ha migliorato la HRQoL rispetto alla sola chemioterapia alle settimane 9 e 18.
Questi risultati supportano l'uso di Pembrolizumab più chemioterapia come terapia di prima linea per il tumore al polmone non-a-piccole cellule metastatico squamoso. ( Xagena2020 )

Mazieres J et al, J Clin Oncol 2020; 38: 271-280

Onco2020 Pneumo2020 Farma2020


Indietro