Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumori testa-collo

Radiazioni a dosi crescenti nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule: analisi della qualità di vita


Un recente studio randomizzato di incremento graduale della dose di radiazioni nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) inoperabile di stadio III, ha mostrato un tasso di sopravvivenza più basso nel braccio di radioterapia ad alto dosaggio ( 74 Gy ) rispetto al braccio a basso dosaggio ( 60 Gy ) con chemioterapia concomitante.

L'ipotesi di qualità di vita (QOL) primaria ha previsto un calo clinicamente significativo della qualità di vita mediante la sottoscala FACT-LCS ( Functional Assessment of Cancer Therapy - Lung Cancer Subscale ) nel braccio radioterapia ad alto dosaggio a 3 mesi.

RTOG 0617 era un studio di fase 3 randomizzato ( condotto tra il 2007 e il 2011 ) sul tumore NSCLC in stadio III stratificato per istologia, stadiazione con tomografia ad emissione di positroni, performance status, e tecnica di irradiazione ( radioterapia conformazionale a 3 dimensioni, 3D-CRT, vs radioterapia a intensità modulata, IMRT ).

In totale hanno preso parte 185 Centri negli Stati Uniti e in Canada.
Dei 424 pazienti eleggibili con tumore NSCLC in stadio III, 360 ( 85% ) hanno acconsentito alla valutazione della qualità di vita, di cui 313 ( 88% ) hanno completato le valutazioni di QOL al basale.

Il trattamento consisteva di radioterapia 74-Gy versus 60-Gy con concomitante chemioterapia e consolidamento con Carboplatino / Paclitaxel con o senza Cetuximab.

I dati sulla qualità di vita sono stati raccolti in modo prospettico mediante FACT Trial Outcome Index ( FACT-TOI ), calcolato come somma delle seguenti misure: Physical Well Being ( PWB ), Functional Well Being ( FWB ) e Lung Cancer Subscale ( LCS ).

I dati sono presentati al basale e a 3 e a 12 mesi con minime variazioni clinicamente significative di 2 punti o più per PWB, FWB e LCS o 5 o più punti per TOI.

Dei 313 pazienti che hanno completato le valutazioni QOL basale, 219 pazienti ( 70% ) hanno completato le valutazioni QOL a 3 mesi, e 137 dei pazienti viventi ( 57% ) hanno completato la valutazione a 12 mesi.

I dati anagrafici dei pazienti e i punteggi QOL basali erano confrontabili tra i bracci 74-Gy e 60 Gy.

Un numero significativamente superiore di pazienti nel braccio 74 Gy rispetto al braccio 60 Gy ha presentato un calo clinicamente significativo di FACT-LCS a 3 mesi ( 45% vs 30%; P=0.02 ).

A 12 mesi, un minore numero di pazienti che ha ricevuto IMRT ( vs 3D-CRT ) è andao incontro a un calo clinicamente significativo di FACT-LCS ( 21% vs 46%; P=0.003 ).

FACT-TOI basale è risultato associato a sopravvivenza globale all’analisi multivariata.

In conclusione, nonostante alcune differenze negli effetti tossici segnalati tra i bracci di trattamento, l'analisi QOL ha dimostrato un calo clinicamente significativo della qualità di vita nel braccio 74 Gy a 3 mesi, confermando l'ipotesi QOL primaria.
QOL basale era un fattore prognostico indipendente per la sopravvivenza. ( Xagena2016 )

Movsas B et al, JAMA Oncol 2016; 2: 359-367

Onco2016 Pneumo2016 Med2016



Indietro