Roche Oncologia
BMS
Novartis
Cortinovis SCLC 2021

Radioembolizzazione aggiuntiva di Olmio-166 dopo Lutezio-177-dotatato nei pazienti con metastasi epatiche di tumore neuroendocrino: studio HEPAR PLuS


Nei pazienti con neoplasie neuroendocrine metastatiche, il fegato è l'organo più colpito e un fattore cruciale per la prognosi e la sopravvivenza.
La terapia recettoriale con peptidi radiomarcati può prolungare la sopravvivenza libera da progressione in questi pazienti.
Il trattamento aggiuntivo della malattia epatica potrebbe migliorare ulteriormente gli esiti.
Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia della radioembolizzazione aggiuntiva di Olmio-166 ( 166 Ho ) dopo la terapia recettoriale con peptidi radiomarcati nei pazienti con neoplasie neuroendocrine metastatiche al fegato.

HEPAR PLuS ( Holmium Embolization Particles for Arterial Radiotherapy Plus 177Lu-Dotatate in Salvage Neuroendocrine Tumour Patients ) era uno studio di fase 2 condotto presso il Centro medico universitario di Utrecht ( Paesi Bassi ).

I pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con neoplasie neuroendocrine di grado 1 o 2 istologicamente provate di tutte le origini, un ECOG performance status di 0–2 e tre o più metastasi epatiche misurabili secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1 hanno ricevuto radioembolizzazione con 166 Ho entro 20 settimane dopo quattro cicli di terapia recettoriale con peptidi radiomarcati ( Lutezio-177-dotatato, 177Lu-dotatato ).

L'endpoint primario era la risposta obiettiva del carcinoma epatico nel volume del fegato trattato, definita come risposta completa ( scomparsa di tutte le lesioni ) o risposta parziale ( diminuzione del 30% o superiore nella somma dei diametri più lunghi delle lesioni target, rispetto alle misurazioni di base ), secondo i criteri RECIST 1.1, analizzata per protocollo a 3 mesi.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento.

Dal 2014 al 2018, 34 pazienti sono stati valutati per l'idoneità. 31 pazienti hanno ricevuto il trattamento e 30 pazienti ( 97% ) erano disponibili per la valutazione dell'endpoint primario e hanno completato 6 mesi di follow-up.
3 pazienti ( 9% ) sono stati esclusi allo screening e un paziente ( 3% ) trattato è deceduto prima dell'endpoint primario ed è stato sostituito.

Secondo l'analisi per protocollo 13 pazienti su 30 ( 43% ) hanno raggiunto una risposta obiettiva nel volume trattato.
Tra le tossicità cliniche e di laboratorio di grado 3-4 secondo CTCAE ( Common Terminology Criteria for Adverse Events ) riportate più frequentemente entro 6 mesi sono stati inclusi dolore addominale ( 3 su 31 pazienti, 10% ), aumento della gamma-glutamil transpeptidasi ( 16, 54% ) e linfocitopenia ( 7, 23% ).

Si è verificato un evento avverso grave correlato al trattamento ( 3% ) ( malattia epatica indotta da radioembolizzazione ). 2 pazienti ( 6% ) hanno presentato eventi avversi gravi ritenuti non-correlati al trattamento ( ulcera gastrica e colecistite perforata ).

La radioembolizzazione con 166 Ho, in aggiunta alla terapia recettoriale con peptidi radiomarcati in pazienti con metastasi epatiche da neoplasia neuroendocrina è sicura ed efficace.
La radioembolizzazione può essere presa in considerazione nei pazienti con malattia epatica voluminosa, anche dopo terapia recettoriale con peptidi radiomarcati.
Un futuro studio randomizzato e controllato dovrebbe esaminare l'ulteriore vantaggio di questo trattamento sulla sopravvivenza libera da progressione. ( Xagena2020 )

Braat AJAT et al, Lancet Oncology 2020; 21: 561-570

Gastro2020 Onco2020 Endo2020 Farma2020


Indietro