Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
OncoHub

Radioterapia conformazionale nel carcinoma della prostata: incremento della dose versus dose di controllo


È stato condotto uno studio allo scopo di comparare l’aumento di dose nella radioterapia conformazionale con la radioterapia conformazionale a dose di controllo in pazienti con carcinoma prostatico localizzato.

Osservazioni preliminari dopo 5 anni di follow-up hanno mostrato che la radioterapia conformazionale con aumento di dose migliorava la sopravvivenza libera da progressione biochimica.

In base al calcolo della dimensione del campione, è stato pianificata l’analisi della sopravvivenza generale dopo 190 decessi; questo obiettivo non è stato raggiunto, dopo una mediana di 10 anni di follow-up.

RT01 era uno studio di fase 3, in aperto, internazionale, randomizzato e controllato che ha arruolato uomini con tumore alla prostata T1b-T3a, N0, M0 confermato per via istologica con antigene specifico prostatico inferiore a 50 ng/ml.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1, con stratificazione in base al rischio di invasione delle vescicole seminali e al Centro, al gruppo controllo ( 64 Gy in 32 frazioni, la dose standard al momento del disegno dello studio ) o al gruppo aumento di dose ( 74 Gy in 37 frazioni ).

Tutti i pazienti hanno ricevuto terapia neoadiuvante di deprivazione androgenica per 3-6 mesi prima dell’inizio della radioterapia conformazionale, che è continuata fino al termine della radioterapia.

Le misure di esito primario erano la sopravvivenza libera da progressione biochimica e la sopravvivenza generale.

Tutte le analisi sono state condotte su basi per intention-to-treat.

Gli effetti collaterali legati al trattamento sono stati riportati in precedenza.

Nel periodo 1998-2001, 862 uomini sono stati registrati e 843 sono stati in seguito randomizzati: 422 al gruppo radioterapia conformazionale con aumento di dose e 421 al gruppo controllo.

Ad agosto 2011 si erano verificati 236 decessi: 118 in ciascun gruppo.

Il follow-up mediano è stato di 10.0 anni.

La sopravvivenza generale a 10 anni è stata del 71% in ciascun gruppo ( hazard ratio [ HR ] 0.99; p=0.96 ).

La progressione biochimica o la progressione della malattia si sono verificate in 391 pazienti ( 221 [ 57% ] nel gruppo controllo e 170 [ 43% ] nel gruppo aumento di dose ).

A 10 anni, la sopravvivenza libera da progressione biochimica è stata del 43% nel gruppo controllo e del 55% nel gruppo aumento di dose ( HR=0.69; p=0.0003 ).

In conclusione, dopo un follow-up mediano di 10 anni, la radioterapia conformazionale con aumento di dose con terapia neoadiuvante di deprivazione androgenica ha mostrato un vantaggio nella sopravvivenza libera da progressione biochimica, ma questo vantaggio non si è tradotto in un miglioramento nella sopravvivenza generale.
Questi dati di efficacia sul trattamento con aumento di dose devono essere valutati rispetto a un aumento delle tossicità acute e tardive associate con la dose più alta ed enfatizzano l’importanza dell’uso di metodi appropriati di moderna radioterapia per ridurre gli effetti collaterali. ( Xagena2014 )

Dearnaley DP et al, Lancet Oncol 2014; 15: 464-473

Onco2014 Uro2014 Farma2014


Indietro