BMS
Cortinovis SCLC 2021
Novartis
Roche Oncologia

Regorafenib per i pazienti con carcinoma epatocellulare in progressione durante il trattamento con Sorafenib


Non ci sono trattamenti sistemici per pazienti con carcinoma epatocellulare ( HCC ) la cui malattia progredisce durante il trattamento con Sorafenib ( Nexavar ). 
Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Regorafenib nei pazienti con carcinoma epatico che hanno progredito durante il trattamento con Sorafenib.

Nello studio di fase 3, RESORGE, randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli, effettuato in 152 Centri in 21 Paesi, sono stati arruolati adulti con epatocarcinoma che tolleravano Sorafenib ( 400 mg/die o superiore per 20 o più degli ultimi 28 giorni di trattamento ), in progressione con Sorafenib, e funzionalità epatica Child-Pugh A.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per regione geografica, performance status ECOG, invasione macrovascolare, malattia extraepatica e livello di alfa-fetoproteina alla migliore terapia di supporto più Regorafenib orale 160 mg oppure a placebo una volta al giorno durante le settimane 1-3 di ogni ciclo di 4 settimane.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale ( definita come tempo dalla randomizzazione alla morte per qualsiasi causa ) analizzata per intention-to-treat.

Tra il 2013 e il 2015, 843 pazienti sono stati sottoposti a screening, dei quali 573 sono stati arruolati e randomizzati ( 379 a Regorafenib e 194 al placebo; popolazione per analisi di efficacia ) e 567 hanno iniziato il trattamento ( 374 hanno ricevuto Regorafenib e 193 hanno ricevuto placebo; popolazione per l'analisi di sicurezza ).

Regorafenib ha migliorato la sopravvivenza generale con un rapporto di rischio di 0.63 ( P unilaterale minore di 0.0001 ); la sopravvivenza mediana è stata di 10.6 mesi per Regorafenib rispetto a 7.8 mesi per il placebo.

Gli eventi avversi sono stati riportati in tutti coloro che hanno assunto Regorafenib ( 374 su 374, 100% ) e 179 dei 193 pazienti trattati con placebo ( 93% ).

I più comuni eventi emergenti dal trattamento di grado 3 o 4 clinicamente importanti sono stati ipertensione ( 57 pazienti, 15%, nel gruppo Regorafenib vs 9 pazienti, 5%, nel gruppo placebo ), reazione cutanea mano-piede ( 47 pazienti, 13%, vs 1, 1% ), affaticamento ( 34 pazienti, 9%, vs 9 pazienti, 5% ) e diarrea ( 12 pazienti, 3%, vs nessun paziente ).

Degli 88 decessi ( eventi avversi di grado 5 ) riportati durante lo studio ( 50 pazienti, 13%, assegnati a Regorafenib e 38, 20%, assegnati al placebo ), 7 ( 2% ) sono stati considerati correlati al farmaco in studio nel gruppo Regorafenib e 2 ( 1% ) nel gruppo placebo, compresi 2 pazienti (1 % ) con insufficienza epatica nel gruppo placebo.

Regorafenib è l'unico trattamento sistemico che ha dimostrato di fornire un beneficio di sopravvivenza nei pazienti con carcinoma epatocellulare in progressione, in trattamento con Sorafenib. 
Studi futuri dovrebbero esplorare le combinazioni di Regorafenib con altri agenti sistemici e trattamenti di terza linea per i pazienti con fallimento o che non tollerano la sequenza di Sorafenib e Regorafenib. ( Xagena2017 )

Bruix J et al, Lancet 2017; 389: 56-66

Gastro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro