Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumori testa-collo

Rischio di leucemia secondaria correlata alla terapia nel linfoma di Hodgkin


Uno studio ha valutato il rischio di leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica correlata al trattamento ( t-AML/MDS ) in pazienti trattati per linfoma di Hodgkin in generazioni successive degli studi clinici della Stanford University.

Sono stati identificati 754 pazienti con linfoma di Hodgkin trattati alla Stanford University tra il 1974 e il 2003 e con almeno 5 anni di follow-up dopo il completamento della terapia e i dati sono stati rivisti per valutare gli esiti e la leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica correlata al trattamento.

La terapia variava nei diversi studi.

La radioterapia si è evoluta passando da trattamento a campi estesi ( studi S e C ) a trattamento dei campi coinvolti ( studi G ).

La chemioterapia primaria era rappresentata da Mecloretamina, Vincristina, Procarbazina e Prednisone ( MOPP ) o Procarbazina, Mecloretamina e Vinblastina ( PAVe ) negli studi S; MOPP, PAVe, Vinblastina, Bleomicina e Metotrexato ( VBM ) o Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina ( ABVD ) negli studi C e VbM ( dose ridotta di Bleomicina rispetto a VBM ) o Mecloretamina, Doxorubicina, Vinblastina, Vincristina, Bleomicina, Etoposide e Prednisone ( Stanford V ) negli studi G.

L’esposizione cumulativa agli agenti alchilanti è risultata notevolmente inferiore negli studi G rispetto agli studi S e C, con una dose più bassa del 75-83% di mostarda azotata in aggiunta all’omissione di Procarbazina e Melfalan.

In totale, 24 ( 3.2% ) dei 754 pazienti hanno sviluppato leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica correlata al trattamento, 15 dopo chemioterapia primaria e 9 dopo chemioterapia di salvataggio per recidiva di linfoma di Hodgkin.

L’incidenza di leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica correlata al trattamento è risultata significativamente più bassa negli studi G ( 0.3% ) rispetto agli studi S ( 5.7% ) o C ( 5.2% ) ( P inferiore a 0.001 ).

Inoltre, negli studi G, non è stato osservato alcun caso di leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica correlata al trattamento dopo la terapia primaria e nel solo paziente che ha sviluppato leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica correlata al trattamento la malattia si è sviluppata dopo terapia secondaria.

In conclusione, questi dati dimostrano la relazione tra la dose cumulativa di agenti alchilanti e leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica correlata al trattamento.
La limitazione delle dosi di tali agenti e la ridotta necessità di trattamenti secondari hanno diminuito in modo significativo l’incidenza di leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica correlata al trattamento, che è risultata estremamente rara negli studi G ( era Stanford V ). ( Xagena2013 )

Koontz MZ et al, J Clin Oncol 2013; 31: 592-598

Emo2013 Onco2013 Farma2013


Indietro