Novartis
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
BMS

Sicurezza ed efficacia di Nivolumab in combinazione con Ipilimumab nel carcinoma a cellule renali metastatico: studio CheckMate 016


Il trattamento combinato con inibitori del checkpoint immunitario ha mostrato una maggiore attività antitumorale rispetto alla monoterapia in tipi di tumore come il melanoma.
Lo studio di dose-escalation ( incremento graduale della dose ), di fase I CheckMate 016 ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) in combinazione e Nivolumab più un inibitore della tirosin-chinasi nel carcinoma a cellule renali metastatico ( mRCC ).

Sono stati presentati i risultati di sicurezza e di efficacia di Nivolumab più Ipilimumab.

I pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico hanno ricevuto 3 mg/kg di Nivolumab per via endovenosa più Ipilimumab 1 mg/kg ( N3I1 ), Nivolumab 1 mg/kg più Ipilimumab 3 mg/kg ( N1I3 ) o Nivolumab 3 mg/kg più Ipilimumab 3 mg/kg ( N3I3 ) ogni 3 settimane per 4 dosi seguite da Nivolumab in monoterapia 3 mg/kg ogni 2 settimane fino a progressione o tossicità.

Gli endpoint includevano sicurezza, tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e sopravvivenza generale ( OS ).

Tutti i pazienti nel braccio N3I3 ( n=6 ) sono stati censurati al momento dell'analisi a causa della tossicità dose-limitante o di altri motivi.
47 pazienti sono stati trattati sia nel braccio N3I1 che nel braccio N1I3 e le caratteristiche del paziente al basale erano bilanciate tra i bracci.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado da 3-4 sono stati riportati nel 38.3% e nel 61.7% dei pazienti, rispettivamente, nei bracci N3I1 e N1I3.

A un follow-up mediano di 22.3 mesi, il tasso di risposta obiettiva confermata è stato del 40.4% in entrambi i bracci, con risposte in corso nel 42.1% e nel 36.8% dei pazienti nei bracci N3I1 e N1I3, rispettivamente. 
La sopravvivenza globale a 2 anni è stata rispettivamente del 67.3% e del 69.6% nei bracci N3I1 e N1I3.

In conclusione, la terapia con Nivolumab più Ipilimumab ha dimostrato sicurezza gestibile, notevole attività antitumorale e risposte durature con sopravvivenza globale promettente in pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico. ( Xagena2017 )

Hammers HJ et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3851-3858

Onco2017 Uro2017 Nefro2017 Farma2017


Indietro