Novartis
Lung Unit
BMS
Tumore Mammella

Terapia di combinazione con Bevacizumab e Capecitabina per il cancro del colon


La terapia di combinazione di prima linea a base di Bevacizumab ( Avastin ) e Capecitabina ( Xeloda ) può essere un ottimo trattamento di prima linea del cancro metastatico del colon-retto nei pazienti più anziani naive al trattamento.

Uno studio prospettico di fase III per la valutazione della terapia di combinazione, rispetto alla sola Capecitabina, come trattamento di prima linea per il carcinoma metastatico del colon-retto ha mostrato che pazienti di 70 anni o più hanno presentato un significativo prolungamento della sopravvivenza libera da progressione, se trattati con Capecitabina e Bevacizumab.

La terapia di combinazione ha migliorato il tasso di risposta complessiva ( 19.3% versus 10%, P=0.042 ), e la sopravvivenza globale mediana si è rivelata maggiore nei pazienti che hanno ricevuto entrambi i farmaci ( 20.7 mesi rispetto a 16.8 mesi ), anche se la più lunga sopravvivenza non è risultata significativamente più lunga rispetto alla sopravvivenza globale in monoterapia ( P=0.182 ).

Nonostante un’età media di 69 tra i pazienti con carcinoma metastatico del colon e del retto, i pazienti più anziani, in generale, sono sottotrattati.
Lo studio ha cercato di esaminare l'approccio di trattamento ottimale.

La fase III dello sperimentazione clinica AVEX ha testato la sicurezza e l'efficacia della terapia di prima linea con Bevacizumab e Capecitabina in una popolazione di 280 pazienti, naive al trattamento, di 70 anni di età o più anziani con tumore metastatico colorettale in 10 Paesi.

I partecipanti sono stati randomizzati in un rapporto 1 a 1 a ricevere 7.5 mg/kg di Bevacizumab e 1000 mg/m2 di Capecitabina ( n=140 ), o 1000 mg/m2 di Capecitabina da sola ( n=140 ).

Gli endpoint dello studio comprendevano la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza generale, il tasso di risposta generale e la sicurezza.

I pazienti avevano un'età media di 76 anni al momento dell'arruolamento e un performance status ECOG di 0 o 1.

La terapia di combinazione è risultata associata a una prolungata sopravvivenza libera da progressione, ha migliorato significativamente il tasso di risposta globale e ha portato a una sopravvivenza globale più lunga rispetto alla Capecitabina in monoterapia.
Il tasso di controllo della malattia è stato superiore nel gruppo di trattamento combinato rispetto alla monoterapia ( 74.3% vs 57.9%, P=0.005 ).

I tassi di eventuali eventi avversi sono risultati simili tra i due gruppi ( 95.5% per la terapia di combinazione rispetto a 95.6% per la monoterapia ).
Gli eventi avversi di grado 3 o 4 sono risultati più comuni nel gruppo di terapia di combinazione rispetto al gruppo in monoterapia ( 59% vs 44.1%, rispettivamente ).
Gli eventi avversi di grado 5, invece, sono risultati più comuni nei pazienti trattati con la sola Capecitabina ( 8.2% vs 11.8% ).

Il profilo degli eventi avversi è stato previsto per la popolazione di pazienti e il profilo di sicurezza era in linea con i dati precedentemente riportati di Bevacizumab nel tumore metastatico del colon-retto. Il trattamento in generale è stato ben tollerato e il profilo di sicurezza era in linea con i dati precedentemente riportati per Bevacizumab e Capecitabina. ( Xagena2013 )

Fonte: Gastrointestinal Cancers Symposium, 2013

Gastro2013 Onco2013 Farma2013


Indietro