Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Trabectedina in combinazione con Doxorubicina per il trattamento di prima linea del leiomiosarcoma uterino o dei tessuti molli in fase avanzata


I leiomiosarcomi metastatici di origine uterina o dei tessuti molli hanno prognosi infausta e moderata chemiosensibilità.
La Trabectedina ( Yondelis ) ha mostrato attività nei leiomiosarcoma pretrattati.

Lo studio multicentrico, di fase 2, a singolo gruppo LMS-02 ha valutato l'effetto della combinazione in prima linea di Doxorubicina e Trabectedina sulla lotta contro la malattia e la sopravvivenza.

Pazienti adulte ( da 18 anni fino a età fisiologica inferiore o uguale a 70 anni ) con leiomiosarcoma uterino o leiomiosarcoma dei tessuti molli metastatico misurabile o non-operabile che non avevano ricevuto alcuna precedente chemioterapia sono state arruolate in 19 Centri in Francia.

Il trattamento consisteva di 60 mg/m2 di Doxorubicina per via endovenosa seguiti da 1.1 mg/m2 di Trabectedina in una infusione endovenosa di 3 ore al giorno 1, entrambe per via venosa centrale e 6 mg di Pegfilgrastim sottocutaneo al giorno 2, ripetuto ogni 3 settimane fino a 6 cicli.
La chirurgia per malattia residua è stata consentita.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti che hanno raggiunto il controllo della malattia, definito come risposta completa o parziale o malattia stabile.
La stratificazione è stata effettuata per sede anatomica e le analisi sono state per protocollo.

Tra il 2010 e il 2013, 109 pazienti sono state arruolate e trattate, delle quali 108 erano valutabili per la risposta: 47 nel gruppo con leiomiosarcoma uterino e 61 nel gruppo con leiomiosarcoma dei tessuti molli.
32 pazienti ( 68% ) nel gruppo con leiomiosarcoma uterino e 45 ( 74% ) nel gruppo con leiomiosarcoma dei tessuti molli hanno ricevuto tutti i 6 cicli di trattamento.

Delle 47 pazienti con leiomiosarcoma uterino, 28 ( 59.6% ) hanno raggiunto una risposta parziale e 13 ( 27.7% ) stabilizzazione della malattia; 41 pazienti ( 87.2% ) hanno raggiunto il controllo della malattia.

Delle 61 pazienti con leiomiosarcoma dei tessuti molli, 2 ( 3.3% ) hanno raggiunto una risposta completa, 22 ( 36.1% ) hanno presentato una risposta parziale e 32 ( 52.5% ) hanno presentato stabilizzazione della malattia; 56 pazienti ( 91.8% ) hanno raggiunto il controllo della malattia.

I più comuni eventi avversi di grado 3-4 associati al trattamento sono stati neutropenia ( 84 pazienti su 108 [ 78% ] ), aumento della concentrazione di alanina aminotransferasi ( 42 [ 39% ] ), trombocitopenia ( 40 [ 37% ] ), anemia ( 29 [ 27% ] ), neutropenia febbrile ( 26 [ 24% ] ) e fatica ( 21 [ 19% ] ).

Nonostante gli effetti tossici attesi ma gestibili, questi risultati supportano l'attività della Doxorubicina più Trabectedina come trattamento di prima linea per il leiomiosarcoma uterino e il leiomiosarcoma dei tessuti molli.
Questa combinazione dovrebbe essere ulteriormente sviluppata in uno studio di fase 3 contro l'attuale standard di cura. ( Xagena2015 )

Pautier P et al, Lancet 2015;16:457-464

Onco2015 Gyne2015 Med2015 Farma2015


Indietro