Natera Banner
Gilead Banner
San Raffaele Urologic Oncology Retreat
Bayer Banner

Trastuzumab versus trattamento trimodale per adenocarcinoma esofageo con sovraespressione di HER2: studio NRG Oncology/RTOG 1010


Trastuzumab ( Herceptin ) è un anticorpo monoclonale contro HER2 ( noto anche come ERBB2 ).
L'obiettivo principale dello studio NRG Oncology/RTOG-1010 era stabilire se Trastuzumab migliorasse la sopravvivenza libera da malattia quando combinato con il trattamento trimodale ( Paclitaxel più Carboplatino e radioterapia, seguito da chirurgia ) per i pazienti con adenocarcinoma esofageo con sovraespressione di HER2, non-trattato.

NRG Oncology/RTOG-1010 era uno studio in aperto, randomizzato, di fase 3, per il quale i pazienti provenivano da 111 istituzioni affiliate a NRG negli Stati Uniti.
I pazienti eleggibili erano adulti di età maggiore o uguale a 18 anni con adenocarcinoma esofageo patologicamente confermato di nuova diagnosi, malattia in stadio T1N1-2 o T2-3N0-2 dell'American Joint Committee on Cancer VII edizione e un performance status di Zubrod di 0-2.

I pazienti sono stati stratificati per adenopatia e assegnati in modo casuale a ricevere Paclitaxel per via endovenosa a cadenza settimanale ( 50 mg/m2 per via endovenosa in 1 ora ) e Carboplatino ( area sotto la curva [ AUC ] 2, per via endovenosa in 30-60 min ) per 6 settimane con radioterapia 50.4 Gy in 28 frazioni ( chemioradioterapia ) seguita da chirurgia, con o senza Trastuzumab endovenoso ( 4 mg/kg nella prima settimana, 2 mg/kg alla settimana per 5 settimane durante la chemioradioterapia, 6 mg/kg una volta preoperatoria e 6 mg/kg ogni 3 settimane per 13 trattamenti a partire da 21-56 giorni dopo l'intervento ).

L'endpoint primario, la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ), è stato definito come il tempo dalla randomizzazione alla morte o alla prima persistenza o recidiva della malattia locoregionale, metastasi a distanza o secondo tumore maligno primario.
Le analisi sono state effettuate per intention to treat modificata ( mITT ).

In tutto 606 pazienti sono stati inseriti per la valutazione HER2 dal 2010 al 2015 e 203 pazienti idonei che erano HER2-positivi sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a chemioradioterapia più Trastuzumab ( n=102 ) o chemioradioterapia da sola ( n=101 ).

La durata mediana del follow-up è stata di 2.8 anni.

La sopravvivenza mediana libera da malattia è stata di 19.6 mesi con chemioradioterapia più Trastuzumab rispetto a 14.2 mesi per la sola chemioradioterapia ( hazard ratio, HR 0.99, log-rank P=0.97 ).

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 si sono verificati in 41 su 95 pazienti ( 43% ) nel gruppo chemioradioterapia più Trastuzumab rispetto a 52 su 96 ( 54% ) nel gruppo chemioradioterapia ed eventi di grado 4 si sono verificati in 20 ( 21% ) rispetto a 21 ( 22% ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o peggiore più comuni per entrambi i gruppi sono stati: ematologici ( 53 su 95 pazienti, 56%, nel gruppo chemioradioterapia più Trastuzumab vs 55 su 96 pazienti, 57%, nel gruppo chemioterapia ) o disturbi gastrointestinali ( 28, 29%, vs 20, 21% ).
34 dei 95 pazienti ( 36% ) nel gruppo chemioradioterapia più Trastuzumab e 27 dei 96 pazienti ( 28% ) nel gruppo di sola chemioradioterapia hanno avuto eventi avversi gravi correlati al trattamento.

Ci sono stati 8 decessi correlati al trattamento: 5 dei 95 pazienti ( 5% ) nel gruppo chemioradioterapia più Trastuzumab ( fistola broncopleurica, perdita anastomotica esofagea, infezione polmonare, morte improvvisa e morte non altrimenti specificata ) e 3 su 96 ( 3% ) dei decessi correlati al trattamento nel gruppo chemioradioterapia ( 2 insufficienza multiorgano e 1 sepsi ).

L'aggiunta di Trastuzumab alla chemioradioterapia neoadiuvante per il tumore esofageo con sovraespressione di HER2 non è risultata efficace.
Trastuzumab non ha portato a un aumento della tossicità, suggerendo che sono giustificati studi futuri che lo combinino con altri agenti o utilizzino altri agenti mirati a HER2 nel tumore esofageo. ( Xagena2022 )

Safran HP et al, Lancet Oncology 2022; 23: 259-269

Gastro2022 Onco2022 Farma2022



Indietro