Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario
Controversies in Genitourinary Tumors

Associazione tra estensione della resezione e sopravvivenza nel glioblastoma


Il glioblastoma multiforme rimane quasi sempre fatale nonostante la terapia chirurgica e medica ottimale.
L'associazione tra l'estensione della resezione del tumore e il risultato rimane indefinito, nonostante molti studi rilevanti.

Si è determinato se un maggior grado di resezione del tumore sia associato a un miglioramento della sopravvivenza complessiva a 1 e 2 anni e della sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi e 1 anno nei pazienti con glioblastoma multiforme.

Sono stati sistematicamente rivisti studi di pazienti adulti con diagnosi recente di glioblastoma multiforme sopratentoriale che confrontavano varie estensioni della resezione del tumore e con dati oggettivi di sopravvivenza complessiva o libera da progressione.
Sono stati esclusi gli studi pediatrici.

I dati sono stati analizzati per valutare la mortalità dopo la resezione totale grezza ( GTR ), la resezione subtotale ( STR ), e la biopsia.

Le evidenze sono state valutate in base ai criteri GRADE ( Grading of Recommendations Assessment, Development, and Evaluation ) e alle linee guida PRISMA.

L’esito principale era il rischio relativo ( RR ) per la mortalità a 1 e 2 anni e la progressione a 6 mesi e 1 anno.

La ricerca ha identificato 37 studi adatti per l'inclusione con 41.117 pazienti.

La meta-analisi ha rivelato una diminuita mortalità per resezione totale rispetto a resezione subtotale a 1 anno ( RR=0.62; P minore di 0.001; numero necessario da trattare NNT, 9 ) e a 2 anni ( RR, 0.84; P minore di 0.001; NNT, 17 ).

Il rischio di mortalità a 1 anno per resezione subtotale confrontato con la biopsia si è ridotto in modo significativo ( RR=0.85; P minore di 0.001 ).

Il rischio di mortalità è analogamente diminuito per qualsiasi resezione rispetto alla biopsia a 1 anno ( RR=0.77; P minore di 0.001; NNT, 21 ) e a 2 anni ( RR=0.94; P=0.04; NNT, 593 ).

Il rischio di progressione della malattia è diminuito con la resezione totale grezza rispetto alla resezione subtotale a 6 mesi ( RR=0.72; P=0.12; NNT, 14 ) e a 1 anno ( RR=0.66; P minore di 0.001; NNT, 26 ).

La qualità delle evidenze in base ai criteri GRADE era da moderata a bassa.

In conclusione, questa analisi rappresenta la più grande revisione sistematica e la sola revisione sistematica quantitativa fino ad oggi eseguita su questo argomento.
Rispetto alla resezione subtotale, la resezione totale grossolana migliora sostanzialmente la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione, ma la qualità delle evidenze di supporto è da moderata a bassa. ( Xagena2016 )

Brown TJ et al, JAMA Oncol 2016; 2: 1460-1469

Onco2016 Neuro2016 Chiru2016



Indietro