BMS
Roche Oncologia
Lung Unit
Novartis

Afatinib versus placebo come terapia adiuvante dopo la chemioradioterapia nel carcinoma a cellule squamose della testa e del collo


Il carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ( HNSCC ) localmente avanzato viene trattato con l'obiettivo della guarigione; tuttavia, il rischio di recidiva rimane elevato in alcuni pazienti.
Il bloccante della famiglia ERBB Afatinib ( Giotrif ) ha mostrato efficacia nel carcinoma HNSCC ricorrente o metastatico.

Si è valutato se la terapia con Afatinib dopo chemioradioterapia ( CRT ) definitiva migliori la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) nei pazienti con tumore HNSCC nello studio clinico multicentrico, di fase 3, randomizzato in doppio cieco LUX-Head & Neck 2, condotto su 617 pazienti nel periodo 2011-2016.

Sono stati inclusi nello studio i pazienti che hanno avuto una risposta completa dopo CRT, comprendendo la radioterapia con Cisplatino o Carboplatino, con o senza resezione della malattia residua, per carcinoma HNSCC a rischio alto o intermedio locoregionalmente avanzato della cavità orale, ipofaringe, laringe o orofaringe.

I pazienti sono stati randomizzati al trattamento con Afatinib ( 40 mg/die ) oppure placebo, stratificando per stato linfonodale ( N0-2a o N2b-3) e ECOG performance status ( 0 o 1 ).
Il trattamento è continuato per 18 mesi o fino a recidiva della malattia, eventi avversi inaccettabili o ritiro del paziente.

L'endpoint primario era la sopravvivenza senza malattia, definita come tempo dalla data di randomizzazione alla data di ricorrenza del tumore o tumore primario secondario o morte per qualsiasi causa.
Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza DFS a 2 anni, sopravvivenza globale ( OS ) ( definita come tempo dalla data della randomizzazione alla morte ) e qualità di vita correlata alla salute.

Sono stati studiati in totale 617 pazienti ( età media 58 anni; 528 uomini, 85.6% ).
Il reclutamento è stato interrotto dopo una analisi di futilità provvisoria pianificata nel 2016, su raccomandazione di un Comitato indipendente di monitoraggio dei dati.
Il trattamento è stato sospeso.

La sopravvivenza DFS mediana è stata pari a 43.4 mesi nel gruppo Afatinib e non-stimabile nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=1.13; test stratificato log-rank P=0.48 ).

Gli effetti avversi più comuni correlati ai farmaci di grado 3 e 4 sono stati rash acneiforme ( 61 su 411 pazienti, 14.8%, nel gruppo Afatinib versus 1 su 206 pazienti, 0.5%, nel gruppo placebo ), stomatite ( 55, 13.4%, nel gruppo Afatinib vs 1, 0.5%, nel gruppo placebo ) e diarrea ( 32, 7.8%, nel gruppo Afatinib vs 1, 0.5%, nel gruppo placebo ).

I risultati di questo studio hanno indicato che il trattamento con Afatinib dopo chemioradioterapia non ha migliorato la sopravvivenza senza malattia, ed è stato associato a un numero maggiore di eventi avversi rispetto al placebo nei pazienti con carcinoma HNSCC primario, non-resecato, a rischio clinicamente elevato o intermedio.
L'uso di Afatinib adiuvante dopo chemioradioterapia non è raccomandato. ( Xagena2019 )

Burtness B et al, JAMA Oncol 2019; 5: 1170-1180

Onco2019 Neuro2019 Farma2019


Indietro