Roche Oncologia
BMS
Novartis
Lung Unit

Alectinib versus Crizotinib nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ALK-positivo: studio J-ALEX


Alectinib ( Alecensa ), un potente inibitore della chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ) CNS-attivo, altamente selettivo, ha mostrato una efficacia e una tollerabilità promettenti nello studio di fase 1-2 a braccio singolo AF-001JP in pazienti giapponesi con cancro ai polmoni non-a-piccole cellule ALK-positivo.
Dati i risultati promettenti, è stato condotto uno studio di fase 3 per confrontare direttamente l'efficacia e la sicurezza di Alectinib con quella di Crizotinib ( Xalkori ).

J-ALEX era uno studio randomizzato, in aperto, di fase 3 che ha reclutato pazienti giapponesi naive agli inibitori di ALK con tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo, naive alla chemioterapia, o che avevano ricevuto un precedente regime chemioterapico, da 41 Centri di studio in Giappone.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per ECOG performance status, linea di trattamento e stadio patologico a ricevere Alectinib per os 300 mg due volte al giorno o Crizotinib 250 mg due volte al giorno fino a malattia progressiva, tossicità inaccettabile, decesso o ritiro.

L'endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da progressione valutata da una struttura di revisione indipendente.

L'analisi di efficacia è stata effettuata nella popolazione intention-to-treat e le analisi di sicurezza sono state eseguite in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.
Lo studio è in corso e il reclutamento dei pazienti è chiuso.

Tra il 2013 e il 2015, 207 pazienti sono stati reclutati e assegnati ai gruppi Alectinib ( n=103 ) o Crizotinib ( n=104 ).

Al cutoff dei dati per la seconda analisi ad interim, 24 pazienti nel gruppo Alectinib hanno interrotto il trattamento rispetto a 61 nel gruppo trattato con Crizotinib, principalmente a causa della mancanza di efficacia o di eventi avversi.

Alla seconda analisi intermedia un Comitato indipendente di monitoraggio dei dati ha determinato che l'endpoint primario dello studio era stato raggiunto ( hazard ratio, HR=0.34, log-rank P stratificato minore di 0.0001 ) e raccomandato una immediata diffusione dei dati.

La sopravvivenza libera da progressione mediana non era stata ancora raggiunta con Alectinib ed era di 10.2 mesi con Crizotinib.

Eventi avversi di grado 3 o 4 si sono verificati con maggiore frequenza con Crizotinib ( 54 su 104, 52% ) rispetto ad Alectinib ( 27 su 103, 26% ).

Anche le interruzioni della dose dovute a eventi avversi sono state più prevalenti con Crizotinib ( 77 su 104, 74% ) che con Alectinib ( 30 su 103, 29% ) e più pazienti trattati con Crizotinib ( 21, 20% ) rispetto ad Alectinib ( 9, 9% ) hanno interrotto il farmaco in studio a causa di un evento avverso.
Non si sono verificati eventi avversi a esito fatale in entrambi i gruppi di trattamento.

Questi risultati forniscono il primo confronto testa-a-testa tra Alectinib e Crizotinib e hanno il potenziale per cambiare lo standard di cura nel trattamento di prima linea del tumore del polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo.
La dose di Alectinib ( 300 mg due volte al giorno ) utilizzata in questo studio era inferiore alla dose approvata in Paesi diversi dal Giappone; tuttavia, questa limitazione viene affrontata nello studio ALEX in corso. ( Xagena2017 )

Hida T et al, Lancet 2017; 390: 29-39

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro