Lung Unit
Tumore Uroteliale
XagenaNewsletter
OncoGinecologia

Atezolizumab e Bevacizumab per i pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico con istologia variante e/o caratteristiche sarcomatoidi


In uno studio multicentrico di fase II, è stato valutato Atezolizumab ( Tecentriq ) combinato con Bevacizumab ( Avastin ) nei pazienti con carcinoma a cellule renali ( RCC ) avanzato con istologia variante o qualsiasi istologia RCC con differenziazione sarcomatoide maggiore o uguale al 20%.

I pazienti eleggibili potevano aver ricevuto una precedente terapia sistemica, escludendo precedente Bevacizumab o inibitori del checkpoint.
I pazienti sono stati sottoposti a biopsia al basale e hanno ricevuto Atezolizumab 1.200 mg e Bevacizumab 15 mg/kg per via endovenosa ogni 3 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( ORR ) secondo i criteri RECIST versione 1.1.
Ulteriori endpoint erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la tossicità, i biomarcatori di risposta determinati dallo stato PD-L1 e le misure di qualità di vita ( QOL ) in terapia, utilizzando le scale NCCN-FKSI-19 ( Functional Assessment of Cancer Therapy Kidney Symptom Index-19 ) e BFI ( Brief Fatigue Inventory ).

In tutto 60 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di uno dei due agenti dello studio; la maggioranza ( 65% ) era naive-al-trattamento.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) per la popolazione complessiva è stato del 33% e del 50% nei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare con differenziazione sarcomatoide e del 26% nei pazienti con carcinoma a cellule renali a istologia variante.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è stata pari a 8.3 mesi.

Lo stato di PD-L1 era disponibile per 36 pazienti; 15 ( 42% ) avevano un'espressione maggiore o uguale all’1% sulle cellule tumorali.
Il tasso ORR nei pazienti PD-L1-positivi è stato pari a 60% ( n=9 ) versus 19% ( n=4 ) nei pazienti PD-L1-negativi.

8 pazienti ( 13% ) hanno sviluppato tossicità di grado 3 correlata al trattamento. Non ci sono state tossicità di grado 4-5 correlate al trattamento.

La qualità di vita è stata mantenuta per tutta la terapia.

Atezolizumab e Bevacizumab hanno dimostrato sicurezza e hanno prodotto risposte obiettive nei pazienti con carcinoma a cellule renali a istologia variante o tumore a cellule renali con differenziazione sarcomatoide maggiore o uguale al 20%.
Questo regime richiede ulteriori esami in pazienti con carcinoma a cellule renali raro, in particolare quelli con tumori PD-L1-positivi. ( Xagena2020 )

McGregor BA et al, J Clin Oncol 2020; 38: 63-70

Onco2020 Nefro2020 Uro2020 Farma2020


Indietro