BMS
Roche Oncologia
Novartis
Cortinovis SCLC 2021

Atezolizumab per bambini e giovani adulti con tumori solidi precedentemente trattati, linfoma non-Hodgkin e linfoma Hodgkin: studio iMATRIX


Atezolizumab ( Tecentriq ) è un inibitore di PD-L1, che può portare a una maggiore attività delle cellule T antitumorali.
Sono state valutate la sicurezza, la farmacocinetica e l'attività di Atezolizumab nei bambini e nei giovani adulti con tumori solidi refrattari o recidivanti, con espressione di PD-L1 nota o attesa.

iMATRIX è stato uno studio multicentrico, in aperto, di fase 1-2 di pazienti di età inferiore a 30 anni con tumori solidi o linfomi reclutati da 28 ospedali in 10 Paesi ( USA, Francia, Italia, Regno Unito, Spagna, Paesi Bassi, Danimarca, Israele, Svizzera e Germania ).

I pazienti idonei di età inferiore ai 18 anni hanno ricevuto 15 mg/kg di Atezolizumab ( massimo 1.200 mg ); i pazienti di età compresa tra 18 e 29 anni hanno ricevuto la dose per adulti ( 1.200 mg ) fino alla progressione della malattia o alla perdita del beneficio clinico.

Gli endpoint coprimari erano la sicurezza ( valutata in base all'incidenza di eventi avversi ), e la farmacocinetica ( valutata in base alle concentrazioni sieriche di Atezolizumab ).
Gli endpoint secondari includevano la percentuale di pazienti che ottenevano una risposta obiettiva.

Tra il 2015 e il 2018, sono stati esaminati 115 pazienti, 25 dei quali non soddisfacevano i criteri di inclusione.
Sono stati arruolati 90 pazienti, con un'età media di 14 anni.

Al cutoff dei dati nell’aprile 2018, due pazienti erano rimasti in terapia di studio. 87 su 90 pazienti ( 97% ) avevano ricevuto almeno una dose di Atezolizumab a 15 mg/kg o 1.200 mg ed erano valutabili per la sicurezza.
Tre pazienti non erano stati trattati a causa di cattive condizioni cliniche o revoca del consenso.

Nella popolazione valutabile per la sicurezza ( n=87 ), gli eventi avversi più comuni sono stati piressia ( 36 pazienti, 41% ) e affaticamento ( 31, 36% ).
L'evento avverso di grado 3-4 più comune è stata l'anemia ( 19 pazienti, 22% ).
Gli eventi avversi gravi più comunemente riportati sono stati: infezioni e infestazioni; la piressia è stato l'unico evento avverso grave riportato in più di 2 pazienti.
57 pazienti ( 66% ) hanno presentato almeno un evento avverso correlato al trattamento ( grado 1-4 ); l'affaticamento è stato l'evento avverso più comune correlato al trattamento ( 17 pazienti, 20% ).
Non ci sono stati eventi avversi ad esito fatale.

Le concentrazioni sieriche medie di Atezolizumab erano sovrapponibili e comparabili tra i bambini che assumevano 15 mg/kg e i giovani adulti che ricevevano 1.200 mg di Atezolizumab ogni 3 settimane.
Le concentrazioni sieriche di Atezolizumab erano al di sopra del livello di esposizione target in tutti i pazienti.

A 6 mesi, 4 pazienti ( 5% ) hanno raggiunto una risposta obiettiva ( tutte risposte parziali ).

Sebbene la risposta ad Atezolizumab sia stata limitata, Atezolizumab è risultato ben tollerato con una esposizione generalmente comparabile tra le popolazioni.
I risultati potrebbero aiutare a definire le future strategie di sviluppo per gli inibitori del checkpoint immunitario, focalizzando la ricerca su specifiche sottopopolazioni di malattie che potrebbero trarre maggiori benefici dagli inibitori del checkpoint immunitario oppure fornendo i mezzi per identificare i partner di combinazione terapeutica che aumentano l'infiltrazione e la proliferazione delle cellule T nel microambiente del cosiddetto tumore immunologicamente freddo. ( Xagena2020 )

Geoerger B et al, Lancet Oncology 2020; 21: 134-144

Onco2020 Emo2020 Pedia2020 Farma2020


Indietro