Oncologia Morabito
Roche Oncologia
OncoHub
Novartis

Attività antitumorale di Nivolumab nel carcinoma nasofaringeo ricorrente e metastatico


Uno studio multinazionale ha valutato l'attività antitumorale di Nivolumab ( Opdivo ) nel carcinoma nasofaringeo ( NPC ).
I biomarcatori tumorali e plasmatici sono stati studiati in una analisi esplorativa.

I pazienti con carcinoma nasofaringeo recidivante o metastatico pretrattato più volte sono stati trattati con Nivolumab fino a progressione della malattia.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e gli endpoint secondari includevano sopravvivenza e tossicità.

L'espressione di PD-L1 e gli antigeni leucocitari umani A e B in tumori di archivio e la clearance plasmatica del DNA del virus di Epstein-Barr sono risultati correlati con il tasso di risposta obiettiva e la sopravvivenza.

In totale sono stati valutati 44 pazienti; il tasso di risposta obiettiva complessivo è stato pari al 20.5% ( risposta completa, n=1, risposta parziale, n=8 ).
9 pazienti hanno ricevuto Nivolumab per più di 12 mesi ( 20% ).

Il tasso di sopravvivenza globale a 1 anno è stato del 59% e il tasso di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 1 anno è stato del 19.3%.

Non c’è stata alcuna correlazione statistica tra il tasso di risposta obiettiva e i biomarcatori; tuttavia, una analisi descrittiva ha mostrato che la proporzione di pazienti che hanno risposto era più alta tra quelli con tumori PD-L1 positivi ( espressione superiore all’1% ) rispetto a quelli con tumori PD-L1-negativi.

La perdita di espressione di una o entrambe le proteine di ​​antigene leucocitario umano di classe 1 è risultata associata a una migliore sopravvivenza libera da progressione, rispetto a quando entrambe le proteine ​​erano espresse ( PFS a 1 anno, 30.9% vs 5.6%, log-rank P=0.01 ).

Non c'è stata alcuna associazione tra sopravvivenza ed espressione di PD-L1 o clearance di DNA del virus Epstein-Barr nel plasma.

Non c'è stata tossicità inaspettata per Nivolumab.

In conclusione, Nivolumab ha una attività promettente per il tumore nasofaringeo e il tasso di sopravvivenza a 1 anno si confronta positivamente con i dati storici di popolazioni simili.
È necessaria una valutazione aggiuntiva in un contesto randomizzato.
I risultati dei biomarcatori hanno generato ipotesi e sono necessarie conferme in coorti più grandi. ( Xagena2018 )

Ma BBY et al, J Clin Oncol 2018; 36: 1412-1418

Onco2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro