Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
ForumOncologico

Aumento del rischio di carcinoma cutaneo a cellule squamose dopo terapia con Vismodegib per carcinoma basocellulare


Gli inibitori di Smoothened sono un nuovo tipo di terapia mirata per il carcinoma avanzato a cellule basali ( BCC ) e i loro effetti a lungo termine, come ad esempio un aumento del rischio di successive neoplasie, sono ancora in fase di studio.
È stato valutato il rischio di sviluppare una neoplasia non-carcinoma a cellule basali dopo l'esposizione a inibitori di Smoothened nei pazienti con carcinoma basocellulare.

È stato effettuato uno studio caso-controllo presso lo Stanford Medical Center, un ospedale accademico negli Stati Uniti.
I partecipanti erano pazienti ad alto rischio con carcinoma basocellulare diagnosticato tra il 1998 e il 2014.
I partecipanti esposti ( casi ) comprendevano pazienti che avevano subito un confermato trattamento con Vismodegib ( Erivedge ) precedente, e i partecipanti non-esposti ( controlli ) comprendevano pazienti che non avevano mai ricevuto alcun inibitore di Smoothened.
Poiché Vismodegib era il primo inibitore di Smoothened approvato, sono stati inclusi solo i pazienti esposti a questo inibitore.

Il principale endpoint era rappresentato dal rapporto di rischio per tumori non-carcinoma basocellulare dopo esposizione a Vismodegib, e aggiustamento per le covariate.


La coorte di studio comprendeva 180 partecipanti. L’età media alla diagnosi del carcinoma a cellule basali era di 56 anni, e il 68.9% ( n=124 ) era di sesso maschile.
55 casi sono stati confrontati con 125 controlli, tenendo conto di età, sesso, precedente terapia con radiazioni o trattamento con Cisplatino, Charlson Index Comorbidity, tempo di follow-up clinico, immunosoppressione, e stato della sindrome del nevo basocellulare.

I pazienti esposti a Vismodegib avevano un hazard ratio di 6.37 ( P minore di 0.001 ), che indica un aumento del rischio di sviluppare un tumore maligno non-carcinoma basocellulare.
La maggior parte delle neoplasie non-carcinoma basocellulare erano carcinomi cutanei a cellule squamose, con un hazard ratio ( HR ) di 8.12 ( P minore di 0.001 ) che rappresenta l'età e lo stato della sindrome del nevo basocellulare.
Non è stato riscontrato alcun aumento significativo di altri tipi di tumore.

In conclusione, l’aumento del rischio di carcinomi cutanei a cellule squamose dopo la terapia con Vismodegib ha messo in evidenza l'importanza di una sorveglianza continuativa della cute dopo l'inizio di questa terapia. ( Xagena2016 )

Mohan SV et al, JAMA Dermatol 2016; 152: 527-532

Dermo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro