Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
OncoDermatologia

Beneficio clinico di Pembrolizumab, un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, nel melanoma avanzato


Una analisi di dati aggregati dello studio KEYNOTE-001 ha mostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) è associato ad attività antitumorale e profilo di sicurezza favorevoli nel lungo periodo nei pazienti con melanoma in stadio avanzato.

Pembrolizumab è un anticorpo anti-PD-1 che è approvato per i pazienti con melanoma non-operabile o metastatico, progredito dopo il trattamento con Ipilimumab ( Yervoy ) e un inibitore di BRAF qualora BRAF V600 fosse mutato.

Lo studio KEYNOTE-001 ha incluso coorti di pazienti con melanoma, tumore al polmone non-a-piccole cellule e altri tumori solidi.

Nell’analisi, i ricercatori hanno cercato di caratterizzare l'attività antitumorale e la sicurezza nel lungo periodo di Pembrolizumab, utilizzando i dati raccolti da 655 pazienti ( età media, 61 anni; 62% uomini ) con melanoma in fase avanzata.

Questi pazienti erano inclusi in coorti non-randomizzate ( mai trattati [ naive ] con Ipilimumab, n = 87; precedente trattamento con Ipilimumab, n = 48 ) e coorti randomizzate ( naive a Ipilimumab, n = 226; precedente trattamento con Ipilimumab, n = 294 ).
In totale, 152 pazienti erano naive al trattamento.

I pazienti sono stati trattati con uno di tre protocolli di esposizione: 10 mg/kg ogni 2 settimane, 10 mg/kg ogni 3 settimane o 2 mg/kg ogni 3 settimane.
< br> L'endpoint primario era rappresentato dalla risposta obiettiva confermata. Erano endpoint secondari la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza generale, la tossicità e la durata della risposta.

Nel complesso il follow-up mediano è stato di 15 mesi ( range: 8-29 ), e il follow-up mediano per le analisi di attività antitumorale è stato di 21 mesi ( range, 14-35 ).

L'analisi primaria del tasso di risposta obiettiva ha riguardato 581 pazienti con malattia misurabile al basale.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 33% ( IC 95%, 30-37 ), che comprendeva 60 dei 133 pazienti ( 45%, IC 95%, 36-54 ) che non erano stati esposti a Ipilimumab.
L’8% ( IC 95%, 6-11 ) dei pazienti ha raggiunto una risposta completa e il 51% ( IC 95%, 47-55 ) ha raggiunto il controllo della malattia.

Il 74% delle risposte erano in corso al momento del cut-off dei dati nel mese di ottobre 2014, e il 44% dei pazienti ha presentato risposte per almeno 1 anno.

Il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi è stato del 35% ( IC 95%, 44-53 ) per l'intera popolazione, ma è stato del 52% ( IC 95%, 43-60 ) per i pazienti naive al trattamento.

La sopravvivenza mediana globale nella popolazione totale è stata di 23 mesi ( IC 95%, 20-29 ).
Il 66% dei pazienti ( IC 95%, 62-69 ) ha raggiunto 12 mesi di sopravvivenza globale e il 49% ( IC 95, 44-53 ) ha ottenuto 24 mesi di sopravvivenza globale.

Tra i pazienti naive al trattamento, la sopravvivenza mediana globale è stata di 31 mesi ( IC 95%, da 24 a non-raggiunta ), il tasso di sopravvivenza globale a 12 mesi è stato del 73% ( IC 95%, 65-79 ) e il tasso di sopravvivenza globale a 24 mesi è stato del 60% ( IC 95%, 51-68 ).

Il 14% dei pazienti ( n=92 ) delle coorti aggregate ha sperimentato uno o più eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4, il più comune dei quali era rappresentato dal senso di affaticamento ( 1.8% ).

Il 4% ( n=27 ) dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di un evento avverso correlato al trattamento, e il 9% ( n=59 ) ha sperimentato eventi avversi gravi, il più comune dei quali era la colite ( 1% ), la piressia ( 1% ) e la polmonite ( 1% ).

Non sono stati segnalati decessi correlati al trattamento. ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA, 2016

Onco2016 Dermo2016 Farma2016


Indietro