Novartis
Lung Unit
BMS
Tumore Ovaie

Binimetinib versus Dacarbazina nei pazienti con melanoma NRAS-mutato in fase avanzata: studio NEMO


Non esistono terapie consolidate specifiche per il melanoma NRAS-mutato nonostante l'emergere dell’immunoterapia.
Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza dell’inibitore MEK Binimetinib rispetto alla Dacarbazina nei pazienti con melanoma NRAS-mutato in fase avanzata.

Lo studio di fase 3, NEMO, randomizzato, in aperto, è stato effettuato in 118 ospedali in 26 Paesi.
I pazienti con melanoma NRAS-mutato avanzato, non-resecabile, in stadio AJCC ( American Joint Committee on Cancer ) IIIC o IV precedentemente non-trattati o progrediti durante o dopo una precedente immunoterapia, sono stati randomizzati a ricevere Binimetinib 45 mg per via orale due volte al giorno oppure Dacarbazina 1.000 mg/m2 per via endovenosa ogni 3 settimane.

La randomizzazione è stata stratificata per stadio, performance status e precedente immunoterapia.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata nella popolazione intention-to-treat. 
Le analisi di sicurezza sono state effettuate nella popolazione di sicurezza, composta da tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e una valutazione della sicurezza post-basale.

Tra il 2013 e il 2015, 402 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale, 269 a Binimetinib e 133 a Dacarbazina.

Il follow-up è stato di 1.7 mesi. La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.8 mesi nel gruppo Binimetinib e di 1.5 mesi nel gruppo Dacarbazina ( hazard ratio, HR=0.62; P unilaterale minore di 0.001 ).

Gli eventi avversi di grado 3-4 osservati in almeno il 5% dei pazienti della popolazione di sicurezza in entrambi i gruppi sono stati: aumentata creatina fosfochinasi ( 52 su 269 pazienti, 19%, nel gruppo Binimetinib vs nessuno su 114 pazienti nel gruppo Dacarbazina ), ipertensione ( 20, 7%, vs 2, 2% ), anemia ( 5, 2%, vs 6, 5% ) e neutropenia ( 2, 1%, vs 10, 9% ). 
Eventi avversi gravi di qualsiasi grado si sono verificati in 91 pazienti ( 34% ) nel gruppo Binimetinib e in 25 pazienti ( 22% ) nel gruppo Dacarbazina.

Binimetinib ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Dacarbazina ed è risultato tollerato.
Binimetinib potrebbe rappresentare una nuova opzione di trattamento per i pazienti con melanoma NRAS-mutato dopo il fallimento della immunoterapia. ( Xagena2017 )

Dummer R et al, Lancet Oncology 2017; 18: 435-445

Onco2017 Dermo2017 Farma2017


Indietro