BMS
Novartis
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021

Breve ciclo di terapia di deprivazione androgenica con o senza Bevacizumab per recidiva di carcinoma alla prostata dopo terapia locale definitiva


I pazienti con carcinoma della prostata recidivato dopo trattamento locale costituiscono una popolazione eterogenea per i quali la terapia di deprivazione degli androgeni ( ADT ) è il trattamento abituale.
Uno studio randomizzato di fase II ha valutato l'efficacia e la tossicità di un breve ciclo di terapia di deprivazione degli androgeni con o senza Bevacizumab ( Avastin ) negli uomini con tumore alla prostata ormone-sensibile.

I pazienti eleggibili presentavano aumentati livelli dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) di 50 ng/ml o valore inferiore, e tempo di raddoppio di PSA minore di 18 mesi.
I pazienti avevano assenza di metastasi o basso carico, metastasi asintomatiche ( linfonodi inferiori a 3 cm e 5 o meno metastasi ossee ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale all’agonista dell’ormone rilasciante l’ormone luteinizzante ( LHRH ), Bicalutamide ( Casodex ) e Bevacizumab oppure alla sola terapia di deprivazione androgenica per 6 mesi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da recidiva di PSA ( RFS ).
La recidiva è stata definita come PSA maggiore di 0.2 ng/ml per i pazienti con prostatectomia o PSA maggiore di 2.0 ng/ml per i pazienti con radioterapia primaria.

66 pazienti hanno ricevuto ADT + Bevacizumab e 36 hanno ricevuto solo ADT.

I pazienti trattati con terapia di deprivazione androgenica + Bevacizumab hanno presentato un miglioramento statisticamente significativo nella sopravvivenza libera da recidiva, rispetto ai pazienti trattati con la sola terapia di deprivazione degli androgeni ( 13.3 mesi per ADT + Bevacizumab vs 10.2 mesi per la sola ADT; hazard ratio, HR=0.47; log-rank P=0.002 ).

L'ipertensione era l'evento avverso più comune nei pazienti trattati con terapia di deprivazione androgenica + Bevacizumab ( 36% ).

In conclusione, la terapia di deprivazione androgenica in combinazione con Bevacizumab ha determinato un miglioramento della sopravvivenza libera da recidiva per i pazienti con tumore alla prostata ormone-sensibile.
È necessario un follow-up a lungo termine per determinare se alcuni pazienti hanno una risposta di PSA durevole e sono in grado di rimanere senza terapia di deprivazione androgenica per periodi prolungati.
I dati hanno fornito un razionale per la combinazione di terapia mirata al fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGF ) con terapia di deprivazione androgenica nel carcinoma alla prostata ormone-sensibile. ( Xagena2016 )

McKay RR et al, J Clin Oncol 2016; 34: 1913-1920

Onco2016 Uro2016 Farma2016


Indietro