Cortinovis SCLC 2021
BMS
Roche Oncologia
Novartis

Cabazitaxel versus Docetaxel come terapia di prima linea per i pazienti con cancro alla prostata resistente alla castrazione metastatico


Nei pazienti con cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione ( mCRPC ), la sopravvivenza globale ( OS ) risulta significativamente migliorata con Cabazitaxel ( Jevtana ), rispetto a Mitoxantrone, dopo precedente trattamento con Docetaxel ( Taxotere ).
Lo studio FIRSTANA ha valutato se Cabazitaxel 20 mg/m2 ( C20 ) o 25 mg/m2 ( C25 ) sia superiore a Docetaxel 75 mg/m2 ( D75 ) in termini di sopravvivenza globale nei pazienti con mCRPC, naive alla chemioterapia.

I pazienti con carcinoma alla prostata e ECOG performance status da 0 a 2 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Cabazitaxel 20 mg/m2, Cabazitaxel 25 mg/m2 o Docetaxel 75 mg/m2 per via endovenosa ogni 3 settimane più Prednisone giornaliero.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale. Gli endpoint secondari includevano sicurezza; sopravvivenza libera da progressione ( PFS ); risposta del tumore, dell’antigene prostatico specifico ( PSA ) e del dolore; farmacocinetica; qualità di vita correlata alla salute.

Tra il 2011 e il 2013, sono stati assegnati casualmente 1.168 pazienti. Le caratteristiche di base erano simili tra le coorti.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 24.5 mesi con Cabazitaxel 20 mg/m2, 25.2 mesi con Cabazitaxel 25 mg/m2 e 24.3 mesi con Docetaxel 75 mg/m2.

L’hazard ratio per Cabazitaxel 20 mg/m2 rispetto a Docetaxel 75 mg/m2 è stato di 1.01 ( P=0.997 ), e l'hazard ratio per Cabazitaxel 25 mg/m2, rispetto a Docetaxel 75 mg/m2 è stato di 0.97 ( P=0.757 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 4.4 mesi con Cabazitaxel 20 mg/m2, 5.1 mesi con Cabazitaxel 25 mg/m2 e 5.3 mesi con Docetaxel 75 mg/m2, senza differenze significative tra i bracci di trattamento.

Le risposte radiografiche del tumore sono state numericamente più elevate per Cabazitaxel 25 mg/m2 ( 41.6% ), rispetto a Docetaxel 75 mg/m2 ( 30.9%, P nominale=0.037, senza regolazione per test di molteplicità ).

Le percentuali di eventi avversi di grado 3 o 4 emergenti dal trattamento sono state del 41.2%, 60.1% e del 46.5%, rispettivamente, per Cabazitaxel 20 mg/m2, Cabazitaxel 25 mg/m2 e Docetaxel 75 mg/m2.
Neutropenia febbrile, diarrea ed ematuria sono state più frequenti con Cabazitaxel 25 mg/m2; neuropatia periferica, edema periferico, alopecia e patologie ungueali sono state più frequenti con Docetaxel 75 mg/m2.

In conclusione, Cabazitaxel 20 mg/m2 e Cabazitaxel 25 mg/m2 non hanno dimostrato superiorità per la sopravvivenza globale rispetto a Docetaxel 75 mg/m2 in pazienti con tumore alla prostata resistente alal castrazione metastatico, naive alla chemioterapia
 La risposta del tumore è stata numericamente più alta con Cabazitaxel 25 mg/m2, rispetto a Docetaxel 75 mg/m2; la sopravvivenza libera da progressione del dolore è numericamente migliorata con Docetaxel 75 mg/m2 rispetto a Cabazitaxel 25 mg/m2. 
Cabazitaxel e Docetaxel hanno dimostrato diversi profili di tossicità, con complessivamente una tossicità inferiore con Cabazitaxel 20 mg/m2. ( Xagena2017 )

Oudard S et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3189-3197

Onco2017 Uro2017 Farma2017


Indietro