BMS
Novartis
Lung Unit
OncoGinecologia

Cabozantinib, un nuovo standard per il carcinoma a cellule renali avanzato e metastasi ossee: analisi di un sottogruppo dello studio METEOR


Cabozantinib ( Cabometyx ), un inibitore della tirosin-chinasi che include MET, recettori del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGFR ) e AXL, ha aumentato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato ( RCC ) dopo la precedente terapia mirata ai recettori del fattore di crescita vascolare endoteliale nello studio di fase III METEOR
Poiché le metastasi ossee sono associate a un aumento della morbilità nei pazienti con carcinoma a cellule renali, gli esiti correlati alle ossa sono stati analizzati in METEOR.

Sono stati randomizzati 658 pazienti a ricevere 60 mg di Cabozantinib o 10 mg di Everolimus ( Afinitor ).

Analisi di sottogruppo pre-specificate di sopravvivenza senza progressione, sopravvivenza globale e tasso di risposta obiettiva sono state condotte in pazienti raggruppati per stato metastatico osseo basale secondo un Comitato radiologico indipendente ( IRC ).

Endpoint aggiuntivi hanno incluso la risposta alla scansione ossea per IRC, eventi correlati all'apparato scheletrico e cambiamenti nei biomarcatori ossei.

Per i pazienti con metastasi ossee al basale ( Cabozantinib, n=77; Everolimus, n=65 ), la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 7.4 mesi per Cabozantinib rispetto a 2.7 mesi per Everolimus ( hazard ratio, HR=0.33 ).

Anche la sopravvivenza globale mediana è stata più lunga con Cabozantinib ( 20.1 mesi vs 12.1 mesi, HR=0.54 ) e il tasso di risposta obiettiva secondo IRC è stato più alto ( 17% vs 0% ).

Il tasso di eventi correlati all'apparato scheletrico è stato del 23% con Cabozantinib e del 29% con Everolimus e la risposta alla scansione ossea per IRC è stata del 20% rispetto al 10%, rispettivamente.

La sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza globale e il tasso di risposta obiettiva sono migliorati con Cabozantinib anche nei pazienti senza metastasi ossee.

I cambiamenti nei biomarcatori ossei sono stati maggiori con Cabozantinib che con Everolimus.

I profili di sicurezza generali di Cabozantinib ed Everolimus nei pazienti con metastasi ossee sono stati coerenti con quelli osservati nei pazienti senza metastasi ossee.

In conclusione, il trattamento con Cabozantinib è stato associato a sopravvivenza libera da progressione, sopravvivenza globale e tasso di risposta obiettiva migliori rispetto al trattamento con Everolimus nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato e metastasi ossee, e rappresenta una buona opzione di trattamento per questi pazienti. ( Xagena2018 )

Escudier B et al, J Clin Oncol 2018; 36: 765-772

Onco2018 Uro2018 Nefro2018 Farma2018


Indietro